Bebe Vio si racconta a Occhiolino, il giornalino di CBM Italia per bambini

Racconti, giochi, fumetti e un ospite d’eccezione: la campionessa di scherma Bebe Vio. Sono questi gli elementi del terzo numero di Occhiolino, il giornalino di CBM Italia, la più accreditata organizzazione non governativa impegnata nella lotta alla cecità e disabilità evitabile nei Paesi del Sud del mondo, uscito in questi giorni.

Nato per coinvolgere e sensibilizzare i più piccoli sui valori universali della solidarietà e dell’inclusione, ma anche per far conoscere il mondo della disabilità, Occhiolino rappresenta una novità nel mondo dell’informazione e della comunicazione per l’infanzia. Protagonista Cibì, il piccolo rinoceronte volontario sul campo che, attraverso i suoi viaggi nel Sud del mondo, fa conoscere il lavoro e i progetti di CBM per le persone a rischio di disabilità.

Ed è con un linguaggio fresco e spontaneo, con la fruibilità del fumetto e con la forza delle immagini di Settimio Benedusi che Bebe Vio, campionessa paralimpica a Rio 2016, racconta ai piccoli lettori di Occhiolino la sua storia e in particolare come è nato il suo amore per la scherma:

“Quando avevo 5 anni i miei genitori mi hanno portata in palestra a provare pallavolo. Finita la lezione sono uscita dalla sala e, nella palestra di fronte, c’erano tutti questi ragazzi che si allenavano: erano vestiti di bianco e sembrano degli Zorro. Vedendoli sono rimasta a bocca aperta e così mi sono innamorata della scherma”.

“È un onore ospitare nel nostro Occhiolino la testimonianza importante e forte di Bebe Vio: un esempio per tanti. L’attenzione e la sensibilità verso il tema della disabilità devono essere trasmesse ai più piccoli in modo semplice, ma efficace se si vuole costruire una società attenta e consapevole. È con questo spirito che è nato Occhiolino ed è con lo stesso spirito che oggi proponiamo il terzo numero” ha dichiarato Massimo Maggio, direttore di CBM Italia Onlus.

Tra gli argomenti del terzo numero dedicato al Natale anche il racconto del progetto di CBM in Colombia per i neonati a rischio di cecità, giochi e ricette di Natale, il racconto illustrato della storia di Santa Lucia. In allegato al giornalino anche un inserto presepe in regalo, realizzato per CBM dall’illustratrice Franca Trabacchi.  

CBM Italia è la più accreditata Organizzazione Non Governativa (ONG) impegnata nella cura e prevenzione della cecità e disabilità evitabile nei Paesi del Sud del mondo. CBM Italia fa parte di CBM, organizzazione attiva dal 1908 composta da 11 associazioni nazionali (Australia, Canada, Germania, Gran Bretagna, Irlanda, Italia, Kenya, Nuova Zelanda, USA, Sud Africa e Svizzera) che insieme sostengono progetti e interventi di tipo medico-sanitario, riabilitativo ed educativo.  Dal 1989 CBM è partner dell’Organizzazione Mondiale della Sanità nella lotta contro la cecità prevenibile e la sordità. CBM opera nei Paesi in Via di Sviluppo in sinergia con i partner locali in un’ottica di crescita e sviluppo locale. In un anno (2015) abbiamo raggiunto 39 milioni di persone attraverso 650 progetti in 63 Paesi (di questi, CBM Italia ha sostenuto 72 progetti in 31 Paesi). www.cbmitalia.org



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi