Oltre 1 milione per le strade della montagna

Oltre un milione di euro, attraverso diversi canali di finanziamento, sono in arrivo dalla Regione Emilia-Romagna per la manutenzione delle strade provinciali, ma soprattutto comunali della nostra montagna. Il dettaglio dei finanziamenti è stato illustrato questa mattina in Provincia dal presidente Giammaria Manghi e dall’assessore ai Trasporti e alla Rete infrastrutturale della Regione Emilia-Romagna Raffaele Donini, insieme ai sindaci del territorio montano tra cui il presidente dell’Unione montana dei Comuni Enrico Bini e al consigliere provinciale delegato alle Infrastrutture Marcello Moretti.

“Una notizia molto importante perché questi fondi, ottenuti grazie al coordinamento della Provincia e messi a disposizione dalla Regione, contribuiranno a porre rimedio a criticità segnalate dagli stessi Comuni, rendendo più sicuri e rapidi i collegamenti da e per l’Appennino”, ha detto il presidente Giammaria Manghi che nell’occasione ha annunciato anche altre buone notizie per gli abitanti della montagna: “Dopo Miscoso, dove rispettando i tempi abbiamo riaperto la Sp 15 martoriata da una quindicina di movimenti franosi a seguito dell’ondata di maltempo verificatasi tra il 9 e il 13 dicembre, sempre con il prezioso concorso della Regione contiamo di ultimare entro la fine dell’estate il secondo lotto della Variante di Ponterosso, completando così un’opera da 8,9 milioni complessivi di euro attesa da tempo – ha detto Manghi – Inoltre, abbiamo avviato l’iter per sistemare il ponte sul rio Sologno, tra Villa Minozzo e Ventasso, attualmente interdetto al traffico pesante: i lavori dovrebbero concludersi entro l’autunno e saranno finanziati con 400.000 euro della Provincia e altrettanti della Regione. Nei prossimi giorni, inoltre, proseguiranno i confronti con tutte le Unioni dei Comuni che dovranno indicarci le priorità sulle quali destinare altri 4,6 milioni di euro, in gran parte fondi provinciali, ma frutto anche di stanziamenti dello Stato e ancora della Regione, che nel prossimo bilancio riusciremo a destinare alla manutenzione stradale di tutto il territorio”.

Il dettaglio del milione e passa di euro illustrato oggi è stato presentato dall’ dall’assessore ai Trasporti e alla Rete infrastrutturale della Regione Emilia-Romagna Raffaele Donini: “Circa 670.000 euro arrivano da fondi europei per lo sviluppo e la coesione e andranno ai Comuni di Carpineti, Casina, Castelnovo Monti, Toano, Vetto, Villa Minozzo e Ventasso per interventi di manutenzione straordinaria delle strade comunali di montagna per circa 670.000 – ha detto – Attraverso l’Agenzia regionale per la Protezione civile abbiamo inoltre destinato 110.000 euro al Comune di Casina per interventi a Semiago, Giandeto e sulla strada comunale Riolo-Leguigno; 110.000 euro al Comune di Castelnovo Monti per la messa in sicurezza di via Bellessere e 120.000 euro al Comune di Villa Minozzo per la strada comunale “Villa Minozzo – Monteorsaro” in località Bivio Valbucciana e località Torricella. Finanziamenti per 40.000 euro, infine, anche per il Comune di Canossa, che rientra nell’Unione della Val d’Enza”.

“Dal 2015 a oggi sono ben 30 i milioni che la Regione ha destinato alla manutenzione delle strade e altrettanti sono stati utilizzati per trasformare molti punti pericolosi della viabilità regionale, tanto che fino al 2017 si è registrato un netto decremento dell’incidentalità”, ha aggiunto Donini annunciando “l’imminente avvio di una campagna molto seria di sensibilizzazione contro la distrazione al volante, che è di gran lunga la principale causa di incidenti”.

La soddisfazione del territorio montano è stata espressa dai sindaci Luigi Fiocchi (Villa Minozzo), Tiziano Borghi (Carpineti) e Vincenzo Volpi (Toano) e dal sindaco di Castelnovo Monti e presidente dell’Unione montana Enrico Bini che, “oltre al coordinamento della Provincia e alla sensibilità della Regione”, ha voluto sottolineare anche “l’impegno dello Stato, in particolare attraverso Anas, che da alcuni anni segue in maniera diversa la statale 63”. Un lavoro di squadra, insomma, che per il consigliere provinciale Marcello Moretti rappresenta un “piccolo pezzo di educazione civica, perché l’essenza del nostro Stato, ovvero dello stare assieme delle istituzioni, è proprio questa: fare filtro tra le esigenze della comunità, che sono tante, mentre chi sta più in alto deve saper ascoltare e dare, come in questo caso, risposte concrete”.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi