A Torino piacciono gli Alieni

L’installazione Migrant Aliens dell’artista cinese Fu Yuxiang presso il Campus Luigi Einaudi viene prolungata fino al 18 novembre per le numerose richieste e visite.
 
TORINO – Sono davvero piaciuti di Alieni a Torino, tanto che la mostra di Fu Yuxiang presso il Campus Luigi Einaudi è stata prolungata fino al 18 novembre, per permettere ai numerosi visitatori di poter conoscere il lavoro di questo artista tra i più significativi nel panorama dell’arte contemporanea cinese, che espone in tutto il mondo, dal Yokohama Museum of Art di Tokyo, al Metropolitan Museum of Art di New York, al Grand Palais di Parigi e che ha partecipato alla Biennale di Venezia all’interno del Friendship Project in collaborazione con la Repubblica di San Marino.
 
L’installazione, dal notevole impatto visivo, rappresenta una riflessione sul tema della migrazione, che interessa il mondo attuale a ogni latitudine, e sul concetto della diversità che a questo tema spesso si collega: l’alieno è il
diverso, colui che viene da lontano e il cui mondo ci è poco noto e ci spaventa, è percepito come altro da sé ed è difficilmente accettato dalla società.
 
15 alieni camminano tra i sentieri e i giardini del Campus Einaudi, struttura di UniTo che bene rappresenta l’architettura contemporanea in città. E vagando improbabili tra i giardini, attirano l’attenzione degli studenti soprattutto, poiché è dei giovani la curiosità e la apertura non preconcetta al nuovo, ma è nel contempo soprattutto loro la sfida che pone lo sbarco costante nel nostro paese e in tutta Europa di “alieni” assai più simili a noi, e con i quali pure ci è così difficile un punto di incontro.
 
Con questo monito giocoso ma perentorio, non eludibile – anche grazie all’imponenza delle figure installate – UniTo non solo dà spazio all’arte, ma svolge pienamente il suo ruolo di protagonista nel dibattito civile e sociale che attraversa la nostra città e la nostra società nel suo complesso.
 
L’Istituto Confucio dell’Università di Torino affianca il lavoro del curatore Vincenzo Sanfo ponendosi come cassa di risonanza dell’evento, anche grazie al coinvolgimento degli studenti di cinese del Dipartimento di Scienze Umanistiche, delle comunità cinesi della città, degli studenti cinesi che numerosi accedono alla offerta formativa di UniTo e del Politecnico, ma anche dell’Accademia Albertina di Belle Arti e del Conservatorio Statale di Musica Giuseppe Verdi, luoghi di eccellenza per la formazione artistica nella nostra città.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi