Acetone E’ uno dei disturbi più frequenti in età pediatrica. Come riconoscerlo e tenerlo sotto controllo

L’acetone è un disordine metabolico che interviene quando l’organismo, per far fronte alle proprie necessità energetiche, dopo aver bruciato tutti gli zuccheri a disposizione, comincia a bruciare anche i grassi. Si tratta di un disturbo passeggero, che si risolve in breve tempo, senza procurare particolari fastidi al piccolo.

COME SI SVILUPPA

L’acetone può svilupparsi come conseguenza a un episodio febbrile, a un momento di particolare stress, o anche a un digiuno prolungato. Queste condizioni comportano un dispendo notevole di energia, e inducono l’organismo ad aumentare la richiesta di glucosio, fonte energetica di organi nobili come il cervello e il cuore. Quando il metabolismo, per produrre energia, esaurisce tutte le riserve di zuccheri, ecco che va a intaccare i lipidi: durante questo processo si formano delle sostanze chiamate corpi chetonici, che finiscono sia nelle vie aeree che nelle urine, emanando il loro inconfondibile odore di acetone, simile a quello della frutta matura.
Più nello specifico, il glucosio che assumiamo con l’alimentazione, quando eccede la quantità necessaria al metabolismo basale, viene accumulato sotto forma di grassi. Il processo inverso, di trasformazione dei grassi in glucosio, che si verifica quando aumenta la richiesta energetica, determina la produzione da parte del fegato di tre acidi, detti corpi chetonici: l’acetone, l’acido acetoacetico e l’acido beta-idrossibutirrico. In condizioni di stress, in cui il fabbisogno energetico aumenta per far fronte all’incremento del metabolismo basale, l’organismo ricava energia soprattutto attraverso il catabolismo dei grassi. La produzione dei corpi chetonici aumenta (iperchetonemia) fino al raggiungimento di livelli tossici, responsabili di acidosi.
Nel tentativo di ridurne la concentrazione, l’organismo elimina con le urine gli acidi acetoacetico e il beta-idrossibutirrico e attraverso i polmoni, l’acetone che, a contatto con l’aria, emana l’odore di frutta matura.

Ciò si verifica più frequentemente nelle seguenti condizioni:
– digiuno prolungato;
– febbre;
– dieta ricca di grassi;
– sforzi intensi e prolungati;
– avvelenamento da alcol etilico o salicilati;
– diabete;
– malattie congenite del metabolismo.
 

SINTOMI DELL’ACETONE

Il quadro clinico è spesso rappresentato dalla comparsa dei caratteristici sintomi della chetoacidosi, che comprendono:
alito fruttato (spesso il primo e unico sintomo);
vomito, talvolta irrefrenabile, che può portare ad uno stato di disidratazione e provocare un senso di malessere generale con la comparsa di mal di testa, dolori addominali, lingua asciutta e patinosa, respiro profondo e frequente, disidratazione;
alterazione della coscienza (raramente).
 

COSA FARE IN CASO DI ACETONE

Per accertarsi che il proprio bambino abbia l’acetone, sarà sufficiente raccogliere qualche goccia di urina sulle strisce reattive che si acquistano in farmacia, che si colorano diversamente in caso di acetone. 
Per ridurre la formazione di acetone e facilitarne l’eliminazione, si consiglia una dieta ricca di zuccheri e di acqua e priva di grassi. Ottimi per neutralizzare l’acetone, sono i succhi di frutta, mentre bere acqua, ripetutamente, serve a reidratare il piccolo.
Se la chetoacidosi non dovesse essere risolta attraverso la somministrazione di liquidi per bocca, sarà necessario ricorrere all’infusione di soluzioni glucoelettrolitiche per via parenterale.
E’ opportuno ricordare che l’acetone un problema che si risolve spontaneamente con l’età, ed è importante seguire, anche al di fuori del periodo di crisi, una dieta equilibrata, senza eccesso di grassi.
Meglio prediligere i carboidrati complessi, come la pasta, la cui digestione libera glucosio nell’intestino, e ridurre fortemente i grassi, soprattutto latte intero, burro, formaggi, fritti, carni grasse, cioccolato e insaccati.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi