Al via la pesca alla trota. Norme da rispettare per il corretto esercizio

[ File # csp2294055, License # 1400286 ]
Licensed through http://www.canstockphoto.com in accordance with the End User License Agreement (http://www.canstockphoto.com/legal.php)
(c) Can Stock Photo Inc. / epantha

Domenica 28 febbraio inizia la pesca alla trota. Polizia provinciale impegnata nei controlli per garantire il rispetto delle norme

PRATO – Inizia domenica 28 febbraio la stagione di pesca alla trota in tutti i torrenti del territorio regionale e quindi anche in provincia di Prato. Polizia provinciale, insieme alle Guardie Volontarie coordinate appartenenti alle GAV, Enalcaccia, Federcaccia, Italcaccia, Liberacaccia, WWF e Guardia Nazionale Ambientale saranno impegnate nei controlli per garantire il rispetto delle norme.

Grazie al coordinamento l’intero territorio provinciale sarà coperto, senza sovrapposizioni, complessivamente da 12 pattuglie. Si ricorda che per esercitare la pesca bisogna essere muniti di licenza che è costituita dalla ricevuta di versamento della tassa di concessione regionale (c/c 26730507 intestato a Regione Toscana – Tesoreria Regionale – Tassa per l’esercizio della pesca), in cui sono riportati i dati anagrafici del pescatore e la causale del versamento. La ricevuta deve essere esibita insieme a un documento di identità valido. La licenza di pesca dilettantistica non è richiesta ai minori di anni 12 se accompagnati da un maggiorenne. Per la pesca dilettantistica con canna munita di mulinello, con validità annuale, il versamento è di 35 euro.

Il quantitativo massimo giornaliero prelevabile di salmonidi è di 6 capi, di dimensioni non inferiori a 22 centimetri; nelle acque a salmonidi non si possono detenere larve di mosca carnaria ed è vietata la pesca con uova di pesci. E’ necessario inoltre prestare particolare attenzione alla pesca nelle acque di confine del Torrente Limentra, dove vige una particolare regolamentazione stabilita dalla Provincia di Pistoia, con zone “no kill” e di “prelievo”, che necessitano, oltre alla licenza di pesca, di appositi permessi giornalieri a pagamento.

Con l’occasione il Comando di Polizia provinciale oltre ad invitare i pescatori al rispetto delle norme e a non abbandonare ami innescati, fili o quant’altro possa essere causa di inquinamento e/o danneggiamento, ricorda la propria disponibilità a fornire informazioni e ricevere richieste e/o segnalazioni attraverso il cellulare di pronto intervento al numero 337-317977.

QUESTO ARTICOLO TI È PIACIUTO?
CONDIVIDILO SUI SOCIAL, VIA MAIL E WHATSAPP

Devi essere autenticato per inviare un commento Login

Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.