ANTIMAFIA. INGROIA: ULTIME MODIFICHE SU CORRUZIONE UN EVIDENTE COMPROMESSO AL RIBASSO

 “Le ultime modifiche al codice Antimafia proposte dal Pd, in base alle quali per applicare le misure di prevenzione anche ai reati di corruzione ci vorrà pure il vincolo associativo, sono un evidente compromesso al ribasso. Tanto valeva allora lasciare le cose come stanno e affidarsi, per un testo davvero efficace contro la corruzione, a un Parlamento legittimo e non a uno eletto con una legge dichiarata incostituzionale”. Lo afferma Antonio Ingroia, presidente di Azione Civile, che aggiunge: “I casi in cui chi è indiziato di reati di corruzione è anche indiziato di associazione a delinquere sono rarissimi, anzi quasi inesistenti. Modificare la legge in questo senso significa dunque fare una norma simbolo condannandola però alla disapplicazione. L’unico modo per fare una legge efficace, ma non in modo indiscriminato, è limitare le misure di sequestro e confisca dei beni ai casi più gravi di corruzione”, conclude Ingroia



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi