Arpacal fa chiarezza sui dati di Mal’Aria 2018

Arpacal fa chiarezza rispetto al presunto superamento del valore di ozono presente in atmosfera inserito nel rapporto di Legambiente sull’inquinamento atmosferico nelle città italiane Mal’Aria 2018

Dai dati pubblicati nel Rapporto sull’inquinamento atmosferico nelle città italiane Mal’Aria 2018 di Legambiente, Catanzaro risulterebbe la prima città italiana per superamenti del valore dell’ozono. Sarebbero ben 111 gli sforamenti annui misurati dalla stazione di monitoraggio della qualità dell’aria situata nel quartiere Santa Maria.

Il dato acquisito da Legambiente però non era stato ancora validato annualmente (come da normativa) dai tecnici Arpacal perché la centralina in questione presentava una problematica tecnica di acquisizione dei dati sul misuratore di ozono e sulla relativa linea di campionamento risolta definitivamente soltanto a fine 2017 dopo una continua interlocuzione dei tecnici con la società a cui è affidato il servizio di manutenzione.

Consultando il portale della qualità dell’aria sul sito dell’Arpacal si può notare che le voci relative alle misurazioni quotidiane dell’ozono, sia in media oraria e sia in media 8h, nella stazione di monitoraggio in esame riportano correttamente un asterisco (*) che, come indica la legenda, significa che “il dato non è disponibile per manutenzione o problemi tecnici”.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi