BANCHE VENETE: GIUDICE, SOCI POSSONO CHIEDERE DANNI INTESA

CODACONS: DECISIONE CLAMOROSA. ORA TUTTE LE “GOOD BANK” SARANNO CHIIAMATE A RISPONDERE DEI DANNI AI RISPARMIATORI

GIUDICI ABBATTONO MURO DI IPOCRISIA SU GESTIONI BANCARIE

Una decisione clamorosa che apre ora la strada ad analoghe richieste di citazione nei confronti delle “Good bank”. Lo afferma il Codacons, commentando la pronuncia del Gup di Roma nell’ambito dell’udienza penale sul processo di Veneto Banca, con la quale ha autorizzato le parti civili a citare come responsabile civile Intesa Sanpaolo.

Abbiamo sempre sostenuto la necessità di chiamare le “nuove” banche a rispondere dei danni provocati dalle gestioni precedenti, e questa decisione apre scenari fino a ieri impensabili – spiega il Codacons – La questione di costituzionalità richiamata dai giudici romani permetterà ora al Codacons di citare in giudizio tutte le “Good bank” nell’ambito di quei procedimenti in cui i risparmiatori truffati, rappresentati dalla nostra associazione, si sono costituiti per ottenere il risarcimento dei danni subiti.

Con la pronuncia odierna finalmente i giudici hanno abbattuto quel muro di ipocrisia che vedeva indenni le banche che acquisivano gli istituti in crisi, senza alcuna possibilità di rispondere dell’operato delle precedenti gestioni; un artifizio incostituzionale di cui il Governo si è reso complice e che finalmente è stato cancellato – conclude l’associazione.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi