Beni confiscati, il Comune alza la mano per acquisire Villa Celestina e realizzare alloggi per famiglie in difficoltà

Il Sindaco di Bologna, Virginio Merola, ha formalizzato oggi la manifestazione di interesse per acquisire gli immobili sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata nel territorio cittadino, e in particolare il compendio di Villa Celestina (viale Aldini/via Boccaccio) e due appartamenti, uno in via Matteotti e l’altro in via E.A.Poe. Gli immobili saranno destinati a fini sociali. La manifestazione di interesse è stata formalizzata in seno alla Conferenza dei Servizi convocata nel pomeriggio di oggi in Prefettura dall’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata, presieduta da Ennio Mario Sodano. Alla Conferenza dei Servizi, cui hanno partecipato i soggetti coinvolti e potenzialmente interessati all’acquisizione di 61 immobili situati nelle province di Bologna, Modena, Parma e Piacenza, il Comune di Bologna è arrivato dopo che ieri, martedì 12 dicembre, la Giunta ha approvato una delibera sulla manifestazione di interesse, chiarendo anche quale sarà la destinazione degli immobili qualora vengano trasferiti al patrimonio comunale. In particolare, l’acquisizione del compendio di Villa Celestina sarà destinato a fini sociali e cioè alla realizzazione di alloggi per persone che si trovano in situazioni di disagio abitativo. I due alloggi invece saranno destinati all’accoglienza nell’ambito del progetto Sprar. Per attuare gli interventi di riqualificazione necessari a rendere funzionale l’immobile di Villa Celestina (il costo è stimato in circa 2 milioni di euro), tenendo conto dei vincoli urbanistici e normativi che gravano sull’immobile e sull’ambito territoriale, il Comune avanzerà richiesta di finanziamento ministeriale. Per i due alloggi, nel caso siano necessari lavori di manutenzione, il Comune valuterà la possibilità di finanziamenti regionali per le politiche di accoglienza.

“Riutilizzare beni confiscati alla criminalità organizzata è un segnale civile e culturale forte per la nostra città e per la nostra comunità – affermano il Sindaco Virginio Merola e la Consigliera di Fiducia del Sindaco per la legalità, Giulia Di Girolamo -. Oggi ci siamo fatti trovare pronti con una delibera, approvata ieri dalla Giunta, che permetterà di destinare questi immobili a fini sociali, restituendo quindi alla collettività un patrimonio importante come migliore risposta contro tutte le mafie”.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi