Berlinguer: Entro l’estate il nuovo piano regionale dei rifiuti

Lo ha annunciato l’assessore regionale all’Ambiente nel corso di un incontro organizzato dall’Anci
Nella sala A del Consiglio, si è svolto stamattina il confronto tra l’Associazione dei Comuni di Basilicata e l’assessore alle Infrastrutture, opere pubbliche, ambiente e territorio della Giunta Regionale della Basilicata, Aldo Berlinguer, sul problema rifiuti. L’Anci di Basilicata ha presentato un documento di richieste per risolvere il problema rifiuti e disegnare il futuro Piano Regionale. L’assessore, dopo aver accolto le istanze, ha spiegato i contenuti della normativa in arrivo e ha chiarito l’iter.

 “Dopo l’adozione in Giunta regionale la proposta di Piano regionale dei Rifiuti verrà inviata ai Comuni e alle province per il parere preventivo. Contemporaneamente verrà pubblicata per consentire agli stakeholder di far pervenire le loro osservazioni entro 60 giorni. La Regione, poi, avrà massimo 90 giorni di tempo per verificare tutte le osservazioni pervenute e per presentare le controdeduzioni. Subito dopo dovrà essere approvato il procedimento di Vas, Valutazione ambientale strategica. Infine la proposta definitiva di Piano regionale dei rifiuti dovrà tornare in Giunta regionale e quindi trasmesso al Consiglio regionale per la definitiva approvazione. Riteniamo – ha detto Berlinguer – che entro questa estate o al massimo entro i primi giorni del prossimo autunno avremo concluso tutto l’iter”.

In chiusura, l’assessore Berlinguer, riprendendo l’intervento del sindaco Altobello, si è soffermato sul tema industriale e su quello culturale. Per quanto riguarda l’aspetto industriale, “è fondamentale pensare a un’economia circolare che preveda meno produzione quindi meno smaltimento, soprattutto per i problemi climatici globali. Sull’aspetto culturale c’è bisogno di un impegno comune tra enti centrali e locali per fornire un’adeguata formazione al cittadino sulla differenziata, in maniera tale che il sistema venga posto sotto il diretto controllo della comunità. Si deve puntare al 65% minimo di differenziata, oltre al massimo recupero possibile, e la sua governance sarà riorganizzata per ambiti ottimali, su base demografica ed economica delle varie realtà.

Berlinguer, infine, ha parlato del nuovo ente che si occuperà sia del versante idrico che di quello dei rifiuti, l’Egrib, in cui ci sarà una cabina di regia regionale e una cabina di rappresentanza dei Comuni. Sarà proprio il nuovo soggetto giuridico che si occuperà del problema della tariffazione omogenea, nei limiti delle normative di settore e della libertà di mercato. E poi ci sarà Orso, un software che consentirà di validare i dati della raccolta differenziata e la qualità dei rifiuti prodotti, perché maggiore e migliore sarà la differenziata e maggiore sarà la premialità prevista per il soggetto virtuoso.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi