Bozzetti (M5S) alla manifestazione TPL: “Il Governo PD priva i lavoratori delle tutele economiche e lavorative”

Il capogruppo M5S in Consiglio regionale, Gianluca Bozzetti, ha manifestato questa mattina a Brindisi  assieme ai lavoratori del Trasporto Pubblico Locale, in stato di agitazione dopo l’abrogazione da parte del governo “Renziloni” del Regio Decreto 148/31, di fatto cancellato da un emendamento presentato dalla deputata PD (ex Forza italia) Stefania Covello alla Manovra Correttiva 2017, convertita in legge e pubblicata venerdì 23 giugno sulla Gazzetta Ufficiale.

“Con l’abrogazione del Regio Decreto – spiega il capogruppo del M5S – oltre 120 mila famiglie in tutta Italia rischiano di trovarsi improvvisamente sprovviste di ogni forma di tutela sia economica che lavorativa. Ogni lavoratore infatti potrà essere licenziato in qualsiasi momento e senza giustificato motivo, senza alcuna tutela in caso di malattia o infortunio. A questo punto è lecito aspettarci una nuova stagione di licenziamenti indiscriminati. Siamo di fronte – continua Bozzetti – all’ennesimo atto del Governo a guida PD, portato avanti senza un vera discussione in Parlamento e in assenza totale di confronto con i lavoratori ed i loro rappresentanti, che stravolge nel profondo il sistema dei diritti del lavoro nel nostro Paese. Purtroppo bisogna constatare che non è neanche la prima volta che il Governo cerca di ottenere questo risultato, basta vedere cosa ha fatto con la “Buona Scuola”, con il “Jobs Act” e l’abolizione dell’art.18. È chiaro che il PD vuole la privatizzazione totale del settore, così come  sta accadendo per la sanità”.

Nel corso della manifestazione il consigliere brindisino ha espresso la sua vicinanza agli autoferrotranvieri e a tutti i dipendenti del Trasporto Pubblico Locale, precettati dal Ministro Delrio in vista dello sciopero proclamato per la giornata di oggi. Tra le motivazioni del provvedimento del Ministero dei Trasporti anche l”ondata anomala di calore prevista per la giornata odierna.

“Più passa il tempo – conclude Bozzetti – e più ci rendiamo tristemente conto che siamo davanti a una chiara volontà politica improntata a demolire i diritti che i lavoratori si sono duramente conquistati, svelando una “sinistra” senza identità, con un partito a cui di “democratico” è rimasto solo il nome. La speranza è che il presidente Emiliano ascolti le proteste dei lavoratori  del settore trasporti e faccia valere le proteste di una regione intera all’interno del suo partito che purtroppo ci governa, speriamo ancora per poco”.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi