Careggi racconta l’ospedale del futuro

Careggi racconta l’ospedale del futuro in un convegno internazionale sulla rete dei grandi ospedali europei. I più importanti modelli organizzativi in sanità si confronteranno dal 24 al 26 settembre nell’Aula magna del nuovo ingresso di Careggi in Largo Brambilla 3 a Firenze per definire le caratteristiche dell’ospedale di domani. Partecipano alla tre giorni fiorentina a partire dalle ore 15 l’Assessore al Diritto alla Salute della Toscana Stefania Saccardi, il Rettore Alberto Tesi, l’Assessore al welfare e sanità del Comune di Firenze Sara Funaro, Il presidente della Terza commissione sanità della Toscana Stefano Scaramelli, il presidente dell’Ordine dei medici di Firenze Antonio Panti e il Direttore Generale della Ricerca e innovazione in sanità del Ministero della Salute Giovanni Leonardi. Fra i relatori insieme al Direttore Generale di Careggi Monica Calamai, il professor Sergio Givone, il Direttore scientifico di Motore Sanità Caludio Zanon. Fra gli ospiti internazionali: Liam Duffy Direttore Generale del Beaumonth Hospital di Dublino, Patrik Triadou Professore dell’Università Paris Descartes – CERLIS di Parigi, Javier Palau Perez Direttore medico dell’Ospedale Universitario e Politecnico La Fe di Valencia, Margaretha Forsberg Larm Professoressa al Karolinska Institute di Stoccolma, Gabi Barbash Direttore Generale del Tel Aviv Sourasky Medical Center.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi