Carta dei Diritti Universali del Lavoro, o Nuovo Statuto delle Lavoratrici e dei Lavoratori

LECCE – La CGIL in tutta Italia promuove la campagna per far conoscere la sua proposta di un nuovo Statuto delle Lavoratrici e dei Lavoratori: la Carta dei Diritti Universali. A differenza dello Statuto del 1970, la nuova Carta si applica a tutti i lavoratori: subordinati, atipici e autonomi, pubblici e privati, di qualsiasi impresa.

La proposta della CGIL riunifica il mondo del lavoro oggi profondamente diviso da leggi che separano il pubblico dal privato, gli autonomi dai subordinati, superando tutte le disuguaglianze.

“Nuovo” in ragione dell’idea che, più che un ritorno al passato, questa proposta di una legge di rango costituzionale, si misura con il cambiamento intervenuto nel mondo del lavoro, che oggi vede molte disuguaglianze, discriminazioni e divisioni.

Lo Statuto è fatto di tre parti: princìpi universali; norme di legge che danno efficacia generale alla contrattazione e codificano democrazia e rappresentanza per tutti; riscrittura dei contratti di lavoro.

Ci sono diritti fondati su princìpi di derivazione costituzionale che devono essere garantiti a tutti i lavoratori. Un lavoro senza diritti rende il lavoro una merce, diritti universali rendono il lavoro un fattore di benessere e di crescita.

Qualunque lavoro si faccia, in qualunque modo si svolga la propria attività, qualsiasi contratto si abbia, questi diritti dovranno essere sempre riconosciuti e accessibili: Diritto al lavoro, Diritto a un lavoro decente e dignitoso, Diritto a un compenso equo e proporzionato, Libertà di espressione, Diritto a condizioni ambientali e lavorative sicure, Diritto al riposo, Diritto alla conciliazione tra vita familiare e vita professionale, Diritto di riservatezza e divieto di controlli a distanza, Diritto all’informazione, Diritto a soluzioni ragionevoli in caso di disabilità oppure di malattia di lunga durata, Diritto alla tutela delle invenzioni e delle opere dell’ingegno, Diritto a un’adeguata tutela pensionistica, Tutela processuale dei diritti del lavoratore e tutela del lavoratore nei confronti dei licenziamenti illegittimi.

Oggi la separazione tra garantiti e non garantiti assume tante sfumature. La contrattazione inclusiva può avvicinare condizioni diverse e trovare risposte ai bisogni di chi lavora ma ci sono diritti soggettivi che vanno resi universali e indisponibili alle deroghe e soprattutto estesi a tutti.

Per questa ragione il nuovo Statuto prevede l’estensione di modelli di partecipazione a tutti i lavoratori, regole per la rappresentanza che unificano pubblico/privato, aziende di grandi/piccole dimensioni, lavoratori standard/atipici, introduce norme specifiche per i lavoratori autonomi.

Partecipare alla discussione sugli accordi ed eleggere i propri rappresentanti liberamente rendono i lavoratori soggetti attivi e consapevoli e danno alla contrattazione strumenti e regole che possono dare sostanza al principio costituzionale dell’efficacia generale.

Non sono i datori di lavoro a poter stabilire le regole, né possono sottrarsi alla contrattazione, ma sono i lavoratori, la cui organizzazione è libera e ha finalmente regole che valgono per tutti, a decidere.

Tutti i lavoratori avranno gli stessi diritti, la contrattazione sarà lo strumento che determinerà per tutti le condizioni di lavoro e la sua valorizzazione, tutti i lavoratori parteciperanno alle scelte con la generalizzazione delle regole su Democrazia e Rappresentanza.

Fino al 19 marzo, in tutto il Paese è partita la consultazione straordinaria sulla Carta dei Diritti Universali del Lavoro, o Nuovo Statuto delle Lavoratrici e dei Lavoratori: in provincia di Lecce sono già state programmate 260 assemblee nei luoghi di lavoro e nei Comuni, ma il calendario è ancora da completare.

I lavoratori, di ogni settore e con tutti i tipi di contratto, e i pensionati voteranno il progetto di Legge di iniziativa popolare con cui la Cgil ha l’ambizione di riscrivere tutto il sistema dei diritti del lavoro rendendoli davvero universali, cancellando disuguaglianze e divisioni.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi