Cerno: «Porterò la lotta per i diritti dalla redazione alla politica»

Tommaso Cerno questa decisione, così improvvisa? Dalla condirezione di Repubblica al Pd?
«È una cosa che mi porto dentro da tantissimo tempo. Da anni i diritti sono parte del mio giornalismo. Ora sento che ne devo fare una battaglia politica».

Ma la decisione di candidarsi è maturata in brevissimo tempo…
«Sì, e devo ringraziare il mio direttore Mario Calabresi che mi ha dato la libertà dí decidere».

Il suo collegio?
«Milano i uninominale per il Senato, e capolista in Friuli-Venezia Giulia nel proporzionale, sempre per il Senato».

Lei è di origini friulane…
«Sì, come Loris Fortuna e Basaglia. Come Pasolini: sono nato l’anno in cui lui è morto. E poi Beppino Englaro, una delle mie battaglie più importanti come giornalista. Questo è il Friuli Venezia Giulia per il quale voglio lavorare».

Come è nata la sua candidatura nel Pd?
«Ho parlato con tanti amici,e poi con il segretario che ha valutato importante il mio impegno».



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi