CITTA’ DELLA SALUTE NOVARA E TORINO

ANDRISSI, BONO (M5S): “PARTENARIATO PUBBLICO-PRIVATO SU SANITA’ PUBBLICA UTILE SOLO AD ARRICCHIRE LE BANCHE” Le affermazioni dell’assessore alla sanità regionale piemontese Saitta sui mutui pubblici ci lasciano allibiti. Affermare che un mutuo pubblico graverebbe sul sistema sanitario regionale come se il partenariato pubblico privato non pesasse già con tutti gli oneri finanziari annessi è una affermazione veramente poco concepibile. Mesi fa l’attuale direttore dell’ospedale Maggiore di Novara commentò un nostro comunicato stampa sul tema affermando quello che noi sosteniamo da tempo e cioè che il partenariato pubblico privato non aumenta i costi diretti bensi quelli indiretti tramite gli oneri finanziari. E li aumenta ben di più di quanto farebbe un semplice mutuo. Di quegli oneri, il sistema sanitario regionale dovrà farsi carico, rinunciando così a importanti risorse. Tanto più assurdo è pensare che per Novara basterebbe fare un mutuo di soli 80 milioni ad un costo irrisorio. Invece con il partenariato pubblico privato gli interessi su quegli 80 milioni passeranno dall’1.5% al 9%. Analogamente per Torino, volendo procedere con la scellerata idea di costruire la nuova città della Salute intorno al grattacielo, in un’area troppo piccola e da bonificare, se si mettessero in vendita le attuali Molinette, si potrebbe far fronte alle restanti spese con un piccolo mutuo. Allora non si comprende, o forse lo capiamo fin troppo bene visto che infine a guadagnarci saranno solo le banche, perché il Presidente Chiamparino abbia scelto la via più costosa per la collettività. La verità è che la scelta del partenariato pubblico privato per Torino e Novara aggraverà di circa 500 milioni i costi per realizzare due fondamentali opere edilizie sanitarie. Gianpaolo Andrissi, Consigliere Regionale M5S Piemonte Davide Bono, Consigliere Regionale M5S Piemonte e Vicepresidente Commissione Sanità —



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi