CNA: “L’INNOVAZIONE DIGITALE PUÒ RILANCIARE LE IMPRESE ARTIGIANE

Cambiamento. È questa la parola con cui, ormai da anni, abbiamo imparato a fare i conti, prima con la crisi economica e ora con le sfide che l’innovazione tecnologica sta portando in ogni ambito della vita delle persone.

E proprio delle trasformazioni indotte dal digitale si è parlato ieri (23 gennaio 2018, ndr), a “Connessi: uomini e tecnologie nell’impresa del futuro”, l’iniziativa che Cna Umbria ha organizzato a Perugia chiamando a discuterne esperti, università e amministratori di fronte a una platea di diverse centinaia di artigiani e piccole imprese della regione.

“L’innovazione digitale ha già cambiato radicalmente la vita delle persone e interi segmenti dell’economia – ha esordito Roberto Giannangeli, direttore di Cna Umbria -; basti pensare, ad esempio, a quello che è successo nel turismo, nella musica, nell’informazione, nella logistica, ma anche nel manifatturiero e nelle costruzioni. La sharing economy e le tecnologie disponibili hanno modificato e modificheranno sempre di più prodotti e processi produttivi, ma anche la fornitura di servizi, i sistemi di vendita, il controllo e l’analisi dei dati e altro ancora. Dovremo imparare a convivere con i robot e le varie forme di intelligenza artificiale. La vera sfida sarà quella di riuscire ad agganciare l’innovazione tecnologica in atto e il rischio maggiore è che interi pezzi di artigianato e piccole imprese vengano tagliati fuori dal sistema produttivo.”

“Perciò – ha aggiunto il presidente di Cna Umbria, Renato Cesca – ben vengano gli strumenti che, sia il pacchetto ‘Impresa 4.0″ e gli altri provvedimenti governativi, o le misure messe in campo dalla Regione e dalle Camere di commercio, mettono a disposizione delle imprese, anche minori, per colmare il gap competitivo in materia di tecnologie digitali. Quindi, non solo incentivi e finanziamenti, spesso a fondo perduto, per l’acquisto di tali tecnologie, ma risorse destinate espressamente alla formazione degli imprenditori e dei loro dipendenti. Perché non ci stancheremo mai di dire che per quanto la tecnologia sia importante, la vera differenza continueranno a farla le competenze delle persone all’interno delle imprese”.

Giuseppe Liotta, ingegnere dell’università di Perugia e delegato per l’Ict, tra le altre cose ha messo in evidenza come le nuove tecnologie, lungi dal penalizzarli, permetteranno anche a territori piccoli come l’Umbria di essere messi in rete con il resto del mondo, mandando in soffitta il principio per cui solo attorno ai grandi centri possano sorgere attività economiche fiorenti.

Altamente suggestive le parole di Mario Gibertoni, coordinatore scientifico dei master della Business school del Sole 24 Ore a Milano e consulente di grandi aziende italiane e internazionali, che ha analizzato gli impatti profondi della digitalizzazione sulle strategie aziendali, portando esperienze da tutto il mondo.

Per Francesco Seghezzi, direttore della fondazione Adapt, “l’artigiano, con la sua flessibilità, ha la forma mentis ideale per accogliere le trasformazioni in atto e rispondere in modo puntuale alle nuove esigenze dei consumatori, che sempre più intervengono anche nella fase di progettazione dei prodotti che poi andranno ad acquistare. Ma occorre investire sulle competenze tecnologiche e digitali delle persone, usando le risorse disponibili”.

La presidente della giunta regionale, Catiuscia Marini, ha dato atto a Cna di essere riuscita a imporre al governo nazionale il cambio da Industria 4.0 a Impresa 4.0, perché la digitalizzazione coinvolge imprese di ogni tipo e dimensione. Poi ha ricordato come accanto agli strumenti per aiutare le aziende nei processi di digitalizzazione, ci sono anche quelli rivolti ai cittadini, come Agenda digitale. “Non ci sarà futuro per l’Umbria se non riusciremo ad agganciare la digitalizzazione. E dovremo farlo tutti insieme, perché nella trasformazione in atto non possiamo permetterci di lasciare indietro pezzi di società”.

L’appuntamento, ora, è con gli incontri territoriali che Cna Umbria organizzerà nelle prossime settimane, anche per presentare il proprio ‘Digital Innovation Hub (DIH)’, nato in questi giorni proprio per sostenere la crescita digitale delle imprese, anche in collaborazione con altri soggetti, a cominciare dall’Università di Perugia.

“Crediamo – ha concluso Cesca – che questo sia il compito di un’associazione di rappresentanza di interessi come la nostra. Cercheremo di svolgerlo al meglio”.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi