Commissione appalti in Sanità, si rinvia a novembre

Slitta ai primi di novembre l’eventuale votazione della delibera – proposta dal M5s – per l’istituzione di una Commissione d’inchiesta o d’indagine sulle procedure di gara, di affidamento e di partenariato pubblico privato nelle Aziende sanitarie piemontesi. Lo ha deciso, su proposta del presidente Domenico Ravetti, la Commissione Sanità nella seduta di giovedì 20 luglio.

Il documento, illustrato dal primo firmatario Davide Bono (M5s), mira a istituire una Commissione d’inchiesta o d’indagine per vigilare e monitorare gli atti delle Aziende sanitarie regionali relativi agli appalti di beni, servizi e forniture nel rispetto di assegnazione degli appalti pubblici e promuovere interventi normativi e amministrativi all’insegna della trasparenza e della corretta conduzione delle procedure di affidamento, contrattualistica e appaltistica in Sanità.

L’assessore alla Sanità Antonio Saitta ha evidenziato che, a suo parere, non ci sono i presupposti per costituire una Commissione d’inchiesta e che tale proposta farebbe presupporre l’esistenza di atti illegittimi. Ha quindi proposto di coinvolgere la Società di committenza regionale per presentare entro fine settembre alla Commissione la ricostruzione del quadro completo degli appalti a partire dal 2015 affinché possa valutare, con un grado più completo d’informazione, se e come procedere.

Nel corso del dibattito sono intervenuti a favore della proposta dell’assessore i consiglieri Nino Boeti, Paolo Allemano (Pd), Alfredo Monaco (Rete civica) e Mario Giaccone (Per il Piemonte), mentre i consiglieri Giorgio Bertola, Stefania Batzella, Mauro Campo, Gian Paolo Andrissi (M5s) e Gian Luca Vignale (Mns) hanno sottolineato, con sfumature diverse, la necessità d’istituire la Commissione, il cui compito è conoscitivo e non alternativo in alcun modo alla Magistratura.

Nel corso della seduta la Commissione ha anche cominciato l’esame della proposta di legge Norme sulla tutela della salute e sulla valutazione del danno sanitario, presentata dal consigliere Bertola (M5s), primo firmatario.

Un provvedimento che intende cooperare alla tutela della salute dei cittadini attraverso lo strumento dei rapporti di valutazione del danno sanitario (Vds) per informare annualmente gli organi politici competenti e la cittadinanza sui cambiamenti, nelle comunità esposte, dello stato di salute connesso a rischi attribuibili all’attività degli stabilimenti industriali, fornire elementi ulteriori di valutazione per il rinnovo o per il riesame dell’autorizzazione integrata ambientale che consentano l’individuazione di soluzioni tecniche più efficaci nel ridurre i potenziali esiti sanitari indesiderati e valutare l’efficacia in ambito sanitario delle prescrizioni imposte. Si prevede la redazione del rapporto di Vds, almeno una volta l’anno, per le aree a elevato rischio di crisi ambientale, aree dichiarate siti d’interesse nazionale di bonifica (Sin), aree nelle quali siano compresi uno o più stabilimenti o attività comunque soggetti ad autorizzazione integrata ambientale (Aia) e che siano fonte di emissioni di inquinanti. Nel caso in cui vengano rilevate criticità, sono previsti interventi per il monitoraggio e la riduzione delle emissioni in atmosfera e delle ricadute sul suolo.

Al termine della discussione generale, in cui sono intervenuti i consiglieri Allemano (Pd), Monaco (Rete civica) e Vignale (Mns), si è deciso di coinvolgere nell’esame del disegno di legg



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi