COMUNE DI PRATO NON MOLLI SU DIGESTORE ANAEROBICO. CON NOI AL GOVERNO QUELLA SAREBBE LA STRADA

Oggi è uscito un articolo stampa che raccontava lo scontro dentro Gilda tra l’opzione di investimento presentata dall’amministrazione pratese – un digestore anaerobico – e quella dell’inceneritore sostenuta da Consorzio Progetto Acqua e Confindustria Toscana Nord.

Il Comune di Prato non molli sul digestore anaerobico. Con noi al governo quella sarebbe l’unica strada, scelta da tempo nelle migliori esperienze di gestione dei rifiuti europee e mondiali.

I digestori anaerobici rappresentano un’impiantistica necessaria per chiudere una filiera virtuosa di gestione dei rifiuti dove solo una piccola componente è destinata allo smaltimento. Quando invece si investono 20 milioni per bruciare i rifiuti significa che l’interesse primario è averne, tanti, da continuare a bruciare. Una scelta ottocentesca, pericolosa per la salute e per l’ambiente.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi