Cultura di pace, il restauro del Complesso della Natività a Betlemme coordinato dall’Università di Ferrara

C’è un ‘pezzo’ di Emilia-Romagna in Israele e Territori Palestinesi. E l’assessore regionale alla Scuola, Università e Ricerca, Patrizio Bianchi, è in missione in questi luoghi per incontrare i responsabili del Complesso della Natività, il cui restauro è coordinato dall’Università di Ferrara, e per assistere ai concerti della Young Musicians European Orchestra, diretta dal Maestro Paolo Olmi e organizzati dalla Cooperativa Emilia Romagna Concerti.

“Il restauro della Chiesa della Natività ha un fortissimo valore simbolico- spiega l’assessore Patrizio Bianchi-. È un grande traguardo che un’operazione di tale livello sia stata affidata al coordinamento delle grandi professionalità di un Ateneo dell’Emilia-Romagna, in una parte del mondo dove il nostro Paese svolge un ruolo fondamentale nella ricerca della pace, anche attraverso la cultura”.

Il restauro

Il Complesso della Natività di Betlemme dal settembre 2013 è oggetto di un esteso restauro conservativo realizzato da un consorzio internazionale coordinato dall’Università di Ferrara, di cui è responsabile il professor Claudio Alessandri, e portato avanti anche da imprese italiane. Restauro natività Betlemme 2017 2

Gli interventi hanno riguardato in primo luogo le strutture lignee di copertura, seriamente danneggiate; realizzati nel rispetto delle norme internazionali del restauro e con l’ottica di preservare la maggior quantità possibile di materiale originale, hanno consentito di apportare importanti miglioramenti antisismici all’intero complesso architettonico. É seguito poi il restauro delle superfici murarie esterne, degli intonaci interni, dei mosaici parietali risalenti alla prima metà del XII secolo, degli architravi in cedro, originali del VI secolo. Attualmente è in corso il restauro delle numerose colonne interne, dei dipinti eseguiti sopra di esse in epoca crociata e dei preziosi capitelli di cui si sta riscoprendo l’originario rivestimento in lamine d’oro. Infine, è stato realizzato un nuovo impianto di illuminazione, rispondente alle vigenti norme di sicurezza, tale da valorizzare le bellezze artistiche della Chiesa nel pieno rispetto delle esigenze funzionali e liturgiche del sito. Tutti i lavori sono stati eseguiti secondo le linee guida indicate dal gruppo di esperti coordinato dall’Università di Ferrara e con la garanzia che le funzioni religiose all’interno della Chiesa potessero continuare a svolgersi regolarmente.

I concerti

Concerti in grado di unire alla grande musica un’attenzione particolare alla ricerca della pace, attraverso il dialogo culturale e religioso tra i popoli e le nazioni. È questo l’obiettivo della Young Musicians European Orchestra diretta dal Maestro Paolo Olmi, che terrà a Betlemme (sabato 2 dicembre) e Gerusalemme (domenica 3) i concerti di Natale. L’evento è patrocinato dalla Regione Emilia-Romagna e vede anche il sostegno del ministero degli Affari esteri e della Cooperazione Internazionale. Il concerto di Betlemme sarà trasmesso da Rai5 durante le feste natalizie.

L’orchestra è formata da musicisti di altissimo livello proveniente da tutto il mondo e di un’età media di 22 anni. Oltre a strumentisti italiani, nella sua formazione sono presenti anche giovanissimi israeliani, palestinesi, iraniani, americani, cinesi, russi e ucraini. Partner dell’orchestra sono la Municipalità di Betlemme, il Consolato Generale d’Italia a Gerusalemme, il ministero degli Affari esteri, la Rai e il ministero dei Beni culturali, oltre alla Regione Emilia-Romagna.

Il prossimo Concerto di Natale a Betlemme della Young Musicians European, nel 2018, potrebbe servire anche a celebrare con una grande manifestazione musicale la fine dell’impegnativo restauro del Complesso della Natività.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi