Donazioni e trapianti, i numeri in Basilicata

Se ne è discusso a Potenza, nel corso di un incontro con i giornalisti presieduto dall’assessore regionale alle Politiche della persona, Flavia Franconi: “Numeri positivi, quando si lavora in rete si ottengono grandi risultati”

In Basilicata si conferma il dato di crescita nazionale, con un aumento del 16 per cento dei donatori, mentre notevoli sono i numeri relativi alla diminuzione delle opposizioni da parte dei familiari, pari al 13 per cento nel 2017, contro il 60 per cento dello scorso anno. E’ quanto emerso dalla conferenza stampa che si è tenuta oggi a Potenza, nella sala Verrastro del palazzo della giunta regionale, per la presentazione dei dati su trapianti e donazioni d’organi in Basilicata. All’incontro con i giornalisti, presieduto dall’assessore alle Politiche per la persona, Flavia Franconi, erano presenti, tra gli altri, Angelo Saracino, coordinatore del Centro regionale trapianti (Crt), i direttori sanitari dell’ospedale San Carlo di Potenza, Antonio Picerni e dell’ospedale di Matera, Domenico Adduci e le associazioni di volontariato, fra cui “Ritorno alla vita”, rappresentata da Enzo Manicone. “In Basilicata – ha spiegato il coordinatore del Crt, Angelo Saracino – abbiamo raggiunto una percentuale di donazioni molto alta, pari a 24 donatori per milione di popolazione, mentre il dato nazionale è del 28,3. Le attività di prelievo e trapianto della Basilicata sono inserite all’interno di una rete nazionale. Nel 2017 sono stati effettuati prelievi da 10 donatori, cinque nell’ospedale di Potenza, altrettanti in quello di Matera, che sono stati utili a trapiantare cinque fegati, 16 reni ed un cuore. Il dato sicuramente significativo – ha evidenziato – è quello relativo alle opposizioni, che sono scese dal 60 al 13 per cento. Questo evidenzia la qualità dell’assistenza in rianimazione da parte di medici, infermieri, ausiliari, che dimostrano una grande sensibilità nel momento in cui chiedono ai familiari, alla morte di un parente, se sia possibile donare gli organi”. Dello stesso avviso, i direttori sanitari Picerni e Adduci, che dopo aver sottolineato “i dati in crescita relativi a donazioni e trapianti” hanno messo in evidenza “la diminuzione delle opposizioni all’espianto di organi, che denota la professionalità e la sensibilità degli operatori sanitari in momenti di grande fragilità ed emotività da parte dei parenti”. A tal proposito, è stato messo in risalto il grande lavoro di medici, infermieri, volontari, ricordando anche il motto fatto proprio dalla dottoressa Rita Pasquariello, responsabile della Terapia intensiva post-operatoria del San Carlo di Potenza, rivolto ai parenti nel momento in chi viene chiesta la donazione di organi: “Non so a chi dono, ma so perché dono”. “Quando si lavora in rete – ha commentato l’assessore alle Politiche per la persona, Flavia Franconi – si ottengono i risultati. Siamo piccoli come numeri ma grande come territorio ed il nostro unico modo per avere una sanità migliore è lavorare in rete. In futuro raggiungeremo risultati ancora più soddisfacenti, grazie al nuovo Piano sanitario in via di perfezionamento. I dati sulle donazioni – ha concluso – sono importanti. Ma lo sono ancora di più quelli relativi alla diminuzione delle opposizioni alle donazioni, che denotano una grande professionalità da parte degli operatori del settore”



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi