E’ in arrivo l’influenza, difendiamoci con il vaccino

L’influenza è alle porte, difendiamoci con il vaccino, è l’invito rivolto dall’Azienda Usl Toscana centro alla popolazione per promuovere la vaccinazione antinfluenzale.

Non sempre l’influenza è un malanno banale che si risolve in poco tempo ma può rappresentare una malattia importante nelle persone più fragili e maggiormente a rischio di complicanze, come i malati cronici e gli anziani. Il vaccino rappresenta il modo più sicuro per prevenire e proteggersi dall’influenza ed è particolarmente raccomandato agli over 65enni. Secondo l’Organizzazione Mondiale di Sanità la vaccinazione antinfluenzale nella popolazione anziana, riduce fino al 75% la mortalità legata all’influenza e un’alta percentuale di copertura nei soggetti più a rischio ha una ricaduta importante nella protezione di tutta la popolazione. Anche per questa stagione, la vaccinazione contro l’influenza è offerta gratuitamente per gli anziani di età pari o superiore ai sessantacinque anni e per le categorie a rischio. E’ comunque indicata per tutti i soggetti che desiderano evitare l’infezione e che non hanno controindicazioni specifiche.

Sono 476.882 le dosi di vaccino per il territorio dell’AUSL Toscana centro ( 81.050 nell’area pistoiese, 61.990 nell’area empolese, 252.792 in quella fiorentina e 81.050 in quella pratese).

I vaccini sono già a disposizione negli ambulatori dei medici di medicina generale e pediatri di libera scelta e nelle sedi distrettuali dell’Azienda Sanitaria.

La gratuità del vaccino, oltre agli anziani ultra 65enni è offerta alle seguenti categorie a rischio:

Bambini di età superiore ai sei mesi, ragazzi e adulti con patologie predisponenti alle complicanze
Bambini e adolescenti in trattamento a lungo termine con acido acetilsalicilico a rischio di sindromi di Reye in caso di infezione influenzale
Donne al secondo o al terzo mese di gravidanza
Medici e personale sanitario di assistenza
Ricoverati in strutture per lungodegenti
Familiari a contatto di soggetti ad alto rischio
Persone addette a servizi pubblici di primario interesse collettivo
Personale che per motivi di lavoro sono a contatto con animali che potrebbero costituire fonti di infezione da virus influenzali non umani

Alla campagna vaccinale hanno aderito, anche quest’anno, la totalità dei medici di medicina generale e pediatri ( oltre 1.300 nell’AUSL Toscana centro) con grande impegno e collaborazione in modo da assicurare un’ampia copertura vaccinale.

In occasione della campagna di vaccinazione antinfluenzale sarà proposto agli anziani la somministrazione gratuita di fialette di vitamina D. Lo scopo è quello di favorire la prevenzione di fratture le cui conseguenze, spesso, per gli anziani sono molto pesanti. Infatti la somministrazione adeguata di vitamina D riduce sensibilmente l’incidenza di fratture dovute alla fragilità ossea. La carenza di vitamina D è correlata con patologie reumatiche, malattie cardiovascolari e neurologiche, oltre al rischio di tumori. Assumendo la vitamina D viene migliorata la forza muscolare e ridotta la frequenza di cadute accidentali, soprattutto durante i mesi invernali, quando senza l’esposizione al sole, è più alto il rischio di ipovitaminosi.

Nella campagna di vaccinazione antinfluenzale dello scorso anno (2016/2017) la copertura vaccinale antinfluenzale nei soggetti di età uguale o superiore a sessantacinque anni è stata di 62,6% nell’area pratese; 54% nell’area empolese e valdarno inferiore; 51,1% nell’area pistoiese e valdinievole e 55,5% nell’area fiorentina e mugello.

Anche la vaccinazione del personale sanitario ha una importante e positiva ricaduta nella protezione di tutta la popolazione. L’AUSL Toscana centro invita i 15.000 dipendenti a sottoporsi alla vaccinazione antinfluenzale che sarà effettuata nelle sedi di lavoro: ospedali, presidi territoriali, case della salute, RSA ecc…

Altre vaccinazioni raccomandate:

Da quest’anno, l’offerta gratuita della vaccinazione anti-pneumococcica per i soggetti a rischio e i sessantacinquenni si estende alla coorte dei nati nel 1952. I nati nel 1950 e 1951 mantengono comunque la gratuità. Il vaccino anti-pneumococco può essere somministrato in qualsiasi stagione dell’anno. Quando ci si sottopone alla vaccinazione antinfluenzale, nella stessa seduta, si può essere vaccinati anche per lo pneumococco. Questa vaccinazione, a differenza dell’influenza non dovrà essere ripetuta ogni anno.

Inoltre, sempre da quest’anno, il Piano nazionale di prevenzione vaccinale 2017-2019 ha introdotto la vaccinazione anti-Herpes Zoster, che sarà offerta gratuitamente alla coorte dei nati nel 1952



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi