E’ in gioco la democrazia in Europa

“In queste ore, l’Europa e il mondo stanno guardando alla Catalogna con sentimenti contrastanti. Siamo innanzitutto seriamente preoccupati per l’escalation della situazione da parte del Governo spagnolo. La repressione poliziesca e l’uso della violenza non sono mai la soluzione giusta per un conflitto politico, indipendentemente dal quadro giuridico dato. Pensiamo piuttosto che questo problema riguardi l’Europa e l’Unione europea nel suo insieme. Non solo perché negli ultimi anni le Istituzioni europee, con la famigerata azione della Troika che ha imposto le politiche di austerità a livello nazionale, hanno mostrato ben altra attitudine nell’intervenire negli “affari interni” dei singoli paesi membri, come abbiamo visto con l’incubo sociale della crisi greca.” Inizia così l’appello che il segretario nazionale di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni e la presidente della Linke Katja Kipping hanno lanciato e che viene pubblicato oggi su vari quotidiani di tutta Europa (In Italia il Manifesto) “Di fronte ai processi di globalizzazione economica – proseguo i due esponenti della sinistra europea – alle disastrose proporzioni della crisi ecologica, alla crescita esponenziale delle disuguaglianze sociali, da almeno due decenni la tradizionale politica degli Stati-nazione ha mostrato la sua inadeguatezza ad affrontare le grandi sfide del nostro tempo. Dieci anni di crisi economica hanno aggravato questi elementi. Pensiamo che nella “crisi catalana” sarebbe sbagliato essere costretti a scegliere tra la difesa autoritaria dello Stato centralista spagnolo e la proclamazione unilaterale dell’indipendenza di uno “Stato della Catalogna”. Ma al tempo stesso pensiamo che la popolazione di questi territori debba essere messa nella condizione di decidere liberamente il proprio destino, in maniera democratica e nel rispetto della maggioranza.” “Ma per fare questo è fondamentale seguire in questo momento la strada indicata, con chiarezza e coraggio, dalle piattaforme municipali, dalle confluenze e dalla sinistra in Spagna e in Catalogna. Con Ada Colau e Pablo Iglesias, con Manuela Carmena e Alberto Garzon, è il momento di fermare la repressione e gli atti unilaterali, il momento della politica contro l’uso della forza, e del dialogo per la convivenza.” “È sempre il momento per trovare una soluzione pacifica – concludono Fratoianni e Kipping – È adesso il momento di una grande mobilitazione europea a sostegno dello spirito e della lettera della Dichiarazione di Saragozza. Siamo disponibili, insieme a tante e tanti altri, a fare la nostra parte perché oggi in Spagna e in Catalogna sono in gioco il presente e il futuro della democrazia in Europa.”



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi