EFFETTO BREXIT SUL BILANCIO UE

ZULLO (M5S): “GIU’ LE MANI DALL’AGRICOLTURA: IL BUCO DI UNDICI MILIARDI DEVE ESSERE SOPPERITO DAI TAGLI AGLI SPRECHI ED INEFFICIENZE. OETTINGER FEDELISSIMO DELLA MERKEL FA GLI INTERESSI DEL GOVERNO TEDESCO “

Bruxelles – “E’ inammissibile che la Commissione UE preveda tagli ai fondi di coesione e all’agricoltura nel momento in cui mancheranno 10-11 miliardi ogni anno al bilancio Ue” afferma l’eurodeputato M5S Marco Zullo.

“Se è vero che, come affermato dal commissario Ue al bilancio Guenther Oettinger “non possiamo far finta che niente sia cambiato con la Brexit” al contempo non è possibile prevedere tagli e riduzioni ai fondi per la coesione alle regioni e all’agricoltura” incalza il parlamentare.

“Questa situazione ci pone di fronte alla necessità di pensare a come tagliare sprechi e inefficienze, non ad effettuare tagli indiscriminati a destra e a manca; l’obiettivo non deve essere togliere fondi all’agricoltura, piuttosto capire come gestire meglio questi fondi” prosegue il deputato europeo.

“E’ ora di dire basta a questo accanimento sull’agricoltura: prima con i trattati internazionali –come il CETA- con cui si sacrifica il comparto agricolo a favore di altri settori penalizzando i nostri agricoltori, adesso con queste proposte. Vogliamo davvero continuare a indebolire il nostro settore primario, finendo per dipendere pericolosamente, nella nostra sussistenza alimentare, dalle importazioni da Paesi terzi?” continua Zullo.

“Questa dichiarazione arriva giusto una settimana prima della presentazione, da parte della Commissione europea, dei risultati della consultazione sulla riforma della PAC. Casuale? Non credo: è ovvio che la Commissione ha già stabilito la direzione verso cui sta tendendo e adesso comincia ad insistere per farci “abituare” a questa situazione. Tutto ciò è inammissibile” prosegue il parlamentare.

“E’ chiaro che Oettinger -fedelissimo e nominato dalla Merkel- porta avanti le istanze del governo tedesco e risponde alle logiche del suo partito di appartenenza: i soliti tedeschi che, anche questa volta, fanno i loro interessi a discapito del settore agricoltura in cui il sud Europa è forte. Gli stessi Paesi che hanno insistito con l’austerità, ora in questo modo puniscono i Paesi che erano contrari ad una politica accentratrice dell’ Europa che ha posto le basi della Brexit” conclude l’esponente del M5S.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi