Filt-Cigl, Fit-Cisl e Uiltrasporti chiedono garanzie per i lavoratori degli appalti ferroviari

Firenze – Ennesimo momento di preoccupazione fra i lavoratori degli appalti ferroviari in Toscana. A rischio c’é l’occupazione e la qualità del servizio offerto agli utenti che utilizzano i treni. I settori delle pulizie e dei servizi accessori dei treni hanno subito molte variazioni organizzative negli ultimi anni che hanno determinato una già considerevole perdita di posti di lavoro.
Oggi l’occupazione è calibrata sulle attività necessarie agli standard di qualità richiesti, ma tuttavia assistiamo alla costruzione di gare di appalto, talvolta senza il riconoscimento della clausola sociale, che tendono a frammentare le attività, producendo diseconomie e ricadute negative sui livelli occupazionali, restringendo strumentalmente il perimetro delle attività messe a gara ed escludendo da esso lavorazioni necessarie, al solo scopo di ridurre i costi ufficiali.
Abbiamo chiesto da tempo un confronto con Trenitalia e la Regione Toscana che da anni investe notevoli risorse sul trasporto su ferro, ma ci scontriamo costantemente con le indisponibilità di tali soggetti.
In Toscana ci sono le condizioni per mettere in sicurezza il settore anche attraverso la costruzione di un confronto serio con tutti i soggetti che in questo settore operano sia come committenti che come appaltatori. Chiediamo quindi alla Regione che si faccia parte attiva nella gestione del settore nel rispetto del servizio che essa stessa richiede e nel rispetto delle condizioni di lavoro di chi vi opera. E’ compito del soggetto pubblico vigilare su come vengono spesi i soldi della collettività e di creare le condizioni affinché non esistano gare assegnate con ribassi incomprensibili, che producono falsi esuberi ed il ricorso, ingiustificato, agli ammortizzatori sociali, con aumento dei costi per i cittadini. Tutto questo produce anche un effetto immediato e negativo sulle condizioni di lavoro e di vita dei lavoratori e sul servizio. Non siamo disponibili ad accettare una politica di frammentazione del settore giocando sull’abbattimento dei salari e dei diritti di chi lavora. Non permetteremo questo, anche perché questo non può che portare un peggioramento dei servizi.
Pertanto nei giorni 12 e 13 Luglio ci sarà una seconda azione di sciopero dei lavoratori del settore.

 



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi