Franco Gabrielli accompagnerà il Coisp durante il suo 7° Congresso Nazionale, Maccari

“Dal primo giorno ci ha fatto pensare di aver finalmente ritrovato un Capo e mantiene quella promessa…”
VENEZIA – “I Poliziotti sono tutti ugualmente importanti e se l’Amministrazione non può fare a meno del Sindacato e non sarebbe la stessa senza, così uomini e donne della Polizia di Stato non avrebbero il fondamento stesso della loro esistenza senza l’Amministrazione. Ciò che conta è la ‘giubba’, ciò che conta è il rispetto, è questo che unisce. Unisce i cittadini ai loro difensori. Unisce, anche e soprattutto, il Vertice alla Base, il Capo ai suoi Poliziotti”.

Era il 24 ottobre quando il Capo della Polizia, Franco Gabrielli, pronunciava queste parole al “Raduno Annuale” del Sindacato Indipendente di Polizia, a Venezia.

“Siamo nati con la Legge 121 dell’81, noi del Sindacato, e siamo una sola cosa con l’Amministrazione, siamo un tutt’uno che deve interfacciarsi con tutto il resto della società, a cominciare dalla politica, nell’interesse della pubblica sicurezza. Abbiamo compiti diversi, ma la dedizione, il rispetto, la volontà di dialogo sono ciò che ci lega indissolubilmente, o almeno dovrebbe essere così. Questo Sindacato e questo Capo oggi dimostrano cosa voglia dire, e come si debba e si possa lavorare insieme per l’unico e solo obiettivo possibile, il benessere dei Poliziotti e cioè dei cittadini”.

Così quello stesso 24 ottobre a Gabrielli faceva eco Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp, confermando un’alchimia ed una sintonia subito evidenti fin dal primo incontro con colui che aveva finalmente fatto pensare ai Poliziotti italiani “Abbiamo di nuovo un Capo”.

Parole, quelle dell’uno e dell’altro, che si attagliano perfettamente anche all’appuntamento ormai alle porte del 7° Congresso Nazionale del Coisp, in programma il 24 e 25 maggio presso l’Hotel Villa Carpegna, a Roma, che il Capo della Polizia seguirà nella sua giornata decisiva, accompagnando il Sindacato in questo suo momento così importante.

A cominciare dal messaggio di saluto della mattina, che Gabrielli porterà dopo l’apertura dei lavori congressuali, per giungere poi alla relazione che il Prefetto terrà nell’ambito del Convegno Nazionale del pomeriggio sul tema “1981-2017 L’evoluzione dalla Legge 121 della Pubblica Sicurezza al D.L. Sicurezza. Il Poliziotto protagonista del modello civile della Sicurezza italiana”.

“Un tema – puntualizza Maccari – che ci riporta a quanto sei mesi fa fu pronunciato nel corso di quell’indimenticabile Raduno. Amministrazione e Sindacato. Capo e Poliziotti. Un Corpo solo ed un unico lavoro in una precisa direzione. Ci siamo sempre attenuti a questo schema, e non è un caso se il nostro motto, anche in occasione di questo Congresso Nazionale, è ‘Duri ma corretti…Sempre!’. E fin da quando abbiamo avuto i primissimi contatti con l’allora neo Capo della Polizia, Gabrielli, abbiamo avuto la percezione netta che appartenesse anche alla sua mente ed al suo cuore, quando ci accolse con una promessa di apertura, di disponibilità, di dialogo, di scambio, di rispetto che, ad oggi, ha mantenuto pienamente. Come continuerà a fare il giorno 24 maggio affiancandoci in un’occasione talmente importate che riguarda tutti, colleghi ed Amministrazione in primis”.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi