Gesenu: Cgil, il Comune vuole dividere i lavoratori

cgil

PERUGIA -Cajarelli (Cgil) e Fratini (Fp): “Grave la convocazione separata di Cisl e Uil”

“Di fronte alla gravità della situazione Gesenu, con la totale incertezza sui destini dell’azienda, anche viste le annunciate dimissioni dei vertici societari, la convocazione di un incontro separato da parte dell’amministrazione comunale di Perugia con Cisl e Uil, ma senza Cgil, è un fatto grave che non può passare sotto silenzio”. Ad affermarlo in una nota sono il segretario regionale della Cgil dell’Umbria, Vasco Cajarelli, e il segretario generale della Fp Cgil dell’Umbria, Fabrizio Fratini.
“A rendere ancora più grave il comportamento dell’amministrazione comunale c’è il fatto che la Fp Cgil – sottolineano i due dirigenti sindacali – aveva chiesto in data 6 giugno 2017 (reiterando la richiesta il 26 giugno) un incontro alla proprietà di Gesenu (Comune di Perugia al 45% e Socesfin Srl al 55%), richiesta caduta però nel vuoto”.
“Al contempo – aggiungono Cajarelli e Fratini – stupisce la scelta divisiva di Cisl e Uil in una fase così delicata della vertenza che interessa non solo Gesenu Spa, ma l’intero sistema dei rifiuti dell’Umbria. Anche per questo – concludono i due segretari – la Cgil ha chiesto un incontro urgente alla giunta regionale, per affrontare le numerose criticità esistenti alle quali l’attuale piano rifiuti non offre risposte adeguate. In mancanza di riscontri la Cgil metterà in campo le azioni di proposta e mobilitazione che si renderanno necessarie”.

QUESTO ARTICOLO TI È PIACIUTO?
CONDIVIDILO SUI SOCIAL, VIA MAIL E WHATSAPP

Devi essere autenticato per inviare un commento Login

Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.