GIOCO D’AZZARDO: PARTE CLASS ACTION CODACONS IN FAVORE DEI GIOCATORI E DELLE LORO FAMIGLIE

slot

INTANTO CORTE COSTITUZIONALE CON CLAMOROSA SENTENZA RICONOSCE AGLI ENTI LOCALI IL POTERE DI INTERVENTO AUTONOMO SU SALE SLOT E GIOCHI

CONSULTA BACCHETTA LA P.A.: RIMASTO INATTUATO DECRETO BALDUZZI E TUTTE LE ALTRE NORME CONTRO IL GIOCO

ROMA – E’ stata presentata oggi a Roma la prima class action italiana contro il gioco d’azzardo. A promuoverla il Codacons, che ha tenuto in data odierna un apposito convegno sul tema.

Il gioco d’azzardo è un’attività pericolosa e, come tale, chi la esercita deve dimostrare di avere adottato, ex art. 2050 c.c., tutte le misure necessarie ad evitare il danno. Danno che in questo caso è la dipendenza da gioco d’azzardo, patologia riconosciuta dal Ministero della salute – spiega il Codacons – Uno dei tanti paradossi italiani è costituito dal Decreto Balduzzi, con cui si era stabilita una progressiva ricollocazione delle sale da gioco in modo da tenerle alla dovuta distanza dai luoghi c.d. sensibili (scuole, chiese, centri socio ricreativi ecc.) con l’obiettivo di scongiurare continui ulteriori stimoli al gioco. Tale norma, tuttavia, è rimasta inattuata, senza contare l’impossibilità di intervento sul gioco online, offerto 24 ore su 24 senza limiti spaziali e temporali.

In considerazione dei gravissimi danni prodotti dal gioco d’azzardo in Italia, il Codacons ha deciso di promuovere la prima class nel nostro paese in favore dei giocatori che abbiano sviluppato forme di dipendenza e delle loro famiglie, finalizzata a far ottenere loro il risarcimento dei danni morali e materiali subiti. Azione che sarà intentata contro lo Stato per il colpevole immobilismo sul tema dimostrato finora, e contro i concessionari del settore giochi.

Intanto il Codacons rende nota una recentissima decisione della Corte Costituzionale dello scorso 11 maggio che riconosce agli enti locali il potere di intervento autonomo sulle sale slot, indipendentemente dalle norme nazionali. Esprimendosi sulla legittimità costituzionale della legge della Regione Puglia 13 dicembre 2013, n. 43, recante «Contrasto alla diffusione del gioco d’azzardo patologico (GAP)», nella parte in cui vieta il rilascio dell’autorizzazione all’esercizio di sale da gioco e all’installazione di apparecchi da gioco nel caso di ubicazione a distanza inferiore a cinquecento metri pedonali dai luoghi cosiddetti “sensibili”, la Consulta ha ritenuto pienamente legittima la legge regionale, sia perché tesa a garantire la sicurezza e l’ordine pubblico, sia perché le norme nazionali in materia sono rimaste ad oggi inattuate.

Scrivono in proposito i giudici della Consulta (Giorgio LATTANZI, Rel. Franco MODUGNO)

QUESTO ARTICOLO TI È PIACIUTO?
CONDIVIDILO SUI SOCIAL, VIA MAIL E WHATSAPP

Devi essere autenticato per inviare un commento Login

Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.