GIOCO, ISTITUTO FRIEDMAN: A BOLZANO IL VENTO DEL PROIBIZIONISMO È SEMPRE PIÙ FORTE

“Nonostante i risultati della politica proibizionista nella Provincia di Bolzano siano ormai sotto gli occhi di tutti, con la crescita smisurata di installazioni di offerta di gioco illegale, e vi sia un aumento della criminalità a danno sia della sicurezza dei cittadini, sia del gettito erariale, non solo per i Monopoli dello Stato, ma anche per il bilancio della Provincia autonoma di Bolzano, che con queste politiche danneggia se stessa due volte. Apprendiamo oggi dai media come, a soli tre giorni dall’entrata in vigore della disposizione della legge Provinciale di Bolzano che metterà al bando tutte le slot installate presso le tabaccherie, l’amministrazione abbia avuto necessità di provvedere all’inserimento di altre strutture nell’elenco dei ‘luoghi sensibili’.
Come già espresso dal Presidente di FIT-STS, Giorgio Pastorino, il danno per la Provincia di Bolzano si estende purtroppo anche a livello sociale, con una grave perdita a livello occupazionale di posti di lavoro legati al settore del gioco legale, che a una stima prudenziale e solo per le tabaccherie è stata stimata in 400 unità.
Il danno economico per i cittadini altoatesini a causa delle politiche proibizioniste aumenterà quindi ulteriormente, in virtù del minor introito del gettito, che la nuova amministrazione a partire dal 2019 sarà probabilmente costretta a compensare introducendo nuove tasse per i cittadini. Questo poi in aggiunta al numero maggiore di soggetti in cura per le dipendenze, che nelle finalità del provvedimento sarebbero dovuti diminuire, mentre purtroppo i dati mostrano invece essere aumentati, come del resto la storia insegna avvenga come conseguenza di ogni proibizionismo.
L’Istituto Milton Friedman Institute, riunitosi a palazzo Valadier a Roma, che già assieme alla Federazione Italiana Tabaccai e al Sindacato Totoricevitori aveva organizzato ad Aprile un convegno anche a Bolzano proprio sul tema dell’antiproibizionismo, al fine di sensibilizzare Amministrazione e cittadini sull’evidenza dei danni conseguenti dal proseguimento delle politiche proibizioniste, esprime unanimentemete il proprio auspicio affinché nella Provincia autonoma di Bolzano si possano introdurre quanto prima degli opportuni correttivi già all’interno di questa legislatura, affinché i danni economici non ricadano su tutti cittadini della Provincia autonoma altoatesina.”

Questa la dichiarazione del Direttore generale dell’Istituto Friedman, prof. Andrea Maria Villotti, in merito all’introduzione in Alto Adige di nuovi “luoghi sensibili” relativi al gioco lecito.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi