IL 30° DERBY DELL’ADIGE È DELLA CALZEDONIA VERONA

LA DIATEC TRENTINO RITROVA KOVACEVIC MA CEDE IN QUATTRO SET

Trento  – Il 30° derby dell’Adige sorride alla Calzedonia Verona e rimanda l’appuntamento con la vittoria per la Diatec Trentino di almeno dieci giorni. Nel confronto a sole tinte gialloblù giocato stasera al PalaTrento sono stati infatti gli scaligeri ad aggiudicarsi il confronto, violando per la quarta volta nella propria storia l’impianto di via Fersina.
La squadra degli ex Nikola Grbic ed Emanuele Birarelli ha confermato la propria predisposizione per le partite in trasferta (tre partite e tre vittorie in regular season), prendendosi l’intera posta in palio grazie al 3-1 finale con cui ha avuto la meglio dei padroni di casa. Lanza e compagni hanno lottato alla pari degli avversari per buona parte del match, pagando però a caro prezzo le difficoltà in ricezione e i conseguenti attacchi non risolutori contro il muro schierato. Dopo essere andati sotto per 0-2, la riscossa della squadra di Lorenzetti è passata per il braccio di Kovacevic che, al rientro, ha cercato di guidare i compagni alla rimonta realizzando in totale tredici palloni vincenti col 42%. Vinto il terzo set nettamente, però, Verona ha trovato i giusti correttivi nel quarto parziale e ha riportato il match sui binari desiderati, chiudendo il conto in quattro set. Fra le fila della Diatec Trentino 13 punti anche per Lanza, ancora una volta uno degli ultimi ad arrendersi, e positiva la prestazione di Teppan, entrato nel corso del match al posto di Vettori che ha faticato ad andare a segno.
La cronaca del match. La Diatec Trentino recupera Kovacevic, a cui però Lorenzetti preferisce Hoag in starting six, in diagonale a Lanza; regolarmente in campo invece l’altro fresco ex di turno Zingel che agisce al centro in coppia con Eder. Giannelli in regia, Vettori opposto e De Pandis libero gli altri giocatori che completano la formazione titolare. La Calzedonia Verona risponde con Spirito al palleggio, Stern opposto, Jaeschke e Maar schiacciatori, Birarelli e Pajenk centrali, Pesaresi libero. L’avvio è nel segno dell’equilibrio; al break point di Stern (5-7), risponde Hoag con due attacchi consecutivi (9-8); in seguito è Vettori a fare la voce grossa in battuta creando il primo vero divario (11-8). Il time out di Grbic chiarisce le idee alla sua squadra, perché alla ripresa i servizi di Jaeschke e gli attacchi di Stern costruiscono la parità a quota 13. Sull’onda dell’entusiasmo la Calzedonia non smette più di realizzare break point e si porta addirittura sul +5 (13-18, con lo statunitense a segno anche con due ace diretti), approfittando delle difficoltà in ricezione e di conseguenza in fase di cambiopalla dei padroni di casa. Lorenzetti ha finito i time out a disposizione ed inserisce allora Kovacevic (al rientro) al posto del martello canadese; Trento prova a reagire (16-19, errore di Birarelli, e 19-21, ace di Vettori) ma poi deve cedere per 21-25 sotto i colpi del solito Jaeschke.
Nel secondo set la Diatec Trentino, con Kovacevic ancora in campo, parte a spron battuta con servizio ed attacco, guadagnando subito un paio di punti di margine (6-4, 10-8) anche grazie ad una maggiore presenza a rete di Eder. Pure in questo caso però gli scaligeri a metà set si rifanno sotto (12-12); il sorpasso arriva sul 16-18 con Jaeschke di nuovo mortifero al servizio. Verona si esalta fra muro e difesa e allunga ancora (17-21) quando Vettori e Lanza vengono fermati a ripetizione; è lo spunto decisivo perché poi i gialloblù non recuperano più (20-23 e 21-25).
Nel terzo set Lorenzetti conferma in campo Teppan (dentro al posto di Vettori nella seconda metà del precedente parziale) ed inverte gli schiacciatori, alla ricerca di una maggiore fluidità nella propria fase di cambiopalla, che effettivamente diventa più efficace. Trento regge bene il ritmo sin dall’inizio e poi accelera con lo stesso Uros (8-6, 10-7); il serbo ha il braccio mancino caldo e a suon di attacchi firma quasi da solo il +5 (13-8), che poi diventa +6 quando lui stesso ferma a muro Stern (16-10). La Calzedonia si innervosisce, sbaglia tantissime battute (20-14) e i locali ne approfittando per avvicinarsi ad ampie falcate alla vittoria del parziale che riapre la sfida (25-17), sempre guidati dal solito Kovacevic.
Nella quarta frazione la contesa torna sui binari del punto a punto, con entrambe le squadre abili a tenersi strette il cambiopalla, almeno sino all’11-11, poi l’errore di Zingel e il muro di Spirito su Lanza creano il primo vero break (11-14). Lorenzetti interrompe il gioco due volte nel giro di pochi secondi ma la musica non cambia, anzi il disavanzo aumenta (12-17, 12-19) con un Maar sempre più scatenato al servizio. Teppan prova a risvegliare i suoi (14-19), ma è troppo tardi: Verona fiuta il pericolo, si tiene stretta parte del cospicuo vantaggio (15-21, 20-23) e chiude i conti già sul 22-25 (errore al servizio di Kovacevic dopo un ace).
“E’ una sconfitta che fa molto male – ha dichiarato l’allenatore della Diatec Trentino Angelo Lorenzetti al termine del derby dell’Adige – ; sapevamo che questa partita nascondeva per noi delle insidie non indifferenti, ma è davvero un peccato non essere riusciti a farla nostra. Dispiace perché abbiamo sciupato la buona partenza messa in atto nel primo set; avevamo cominciato con lo spirito giusto, ma poi siamo andati in difficoltà a causa di un loro turno al servizio importante e non siamo più riusciti a venirne a capo. Successivamente, siamo anche cresciuti in attacco, ma purtroppo abbiamo commesso ancora troppi errori nella fase break, senza sfruttare le occasioni che gli avversari ci hanno concesso. E’ il momento più difficile da quando sono a Trento, per uscirne dobbiamo guardare i fatti, parlare con i ragazzi, capire cosa ci sta penalizzando in questo momento e continuare a lavorare per migliorare”.
Ora davanti alla Diatec Trentino un periodo di nove giorni senza partite ufficiali; il prossimo impegno infatti è in programma solo mercoledì 15 novembre al PalaEvangelisti di Perugia contro la Sir Safety Conad nel posticipo del settimo turno di regular season (ore 20.30).

Di seguito il tabellino del match valevole per la sesta giornata di regular season di SuperLega UnipolSai 2017/18 giocata questa sera al PalaTrento.

Diatec Trentino-Calzedonia Verona 1-3
(21-25, 21-25, 25-17, 22-25)
DIATEC TRENTINO: Vettori 3, Hoag 3, Eder 8, Giannelli 2, Lanza 13, Zingel 8, De Pandis (L); Kovacevic 13, Kozamernik, Teppan 9, Cavuto. N.e. Partenio. All. Angelo Lorenzetti.
CALZEDONIA:  Maar 13, Birarelli 2, Spirito 3, Jaeschke 15, Pajenk 9, Stern 14, Pesaresi (L); Marretta, Grozdanov 2. N.e. Mengozzi, Paolucci, Frigo, Manavi. All. Nikola Grbic.
ARBITRI: Venturi e Braico di Torino.
DURATA SET: 29′, 29′, 24′, 29′; tot 1h e 51′.
NOTE: 3.277 spettatori, per un incasso di 22.699 euro. Diatec Trentino: 7 muri, 7 ace, 20 errori in battuta, 8 errori azione, 45% in attacco, 46% (32%) in ricezione. Calzedonia: 12 muri, 6 ace, 22 errori in battuta, 6 errori azione, 44% in attacco, 51% (26%) in ricezione. Mvp Maar.
 



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi