Il giudice delle donne: in un libro la storia delle 10 maestre che ottennero l’iscrizione alle liste elettorali quarant’anni prima del voto alle donne

Il giudice delle donne: questo il titolo del volume.

BERGAMO – Il giudice delle donne vuole riportare alla luce una vicenda dimenticata dai più, ma decisamente curiosa. Come noto, il 2 giugno 1946, in occasione del referendum sulla forma di governo da dare all’Italia dopo la seconda guerra mondiale, fu la prima volta che alle donne venne concesso il diritto di voto. Eppure prima di questo evento non esisteva alcuna legge che proibisse alle donne di votare: chi scrisse lo Statuto Albertino dava per scontato che le donne fossero escluse dalle votazioni politiche, lasciando così una falla giuridica che tecnicamente avrebbe permesso alle donne di esercitare il proprio diritto. E infatti molte donne agli inizi del XX secolo chiesero di iscriversi alle liste elettorali, ma le richieste vennero respinte.

Le donne non si diedero per vinte e presentarono ricorsi nei tribunali: anche qui tutte le richieste vennero rigettate, con la sola eccezione del tribunale di Ancona presieduto da Lodovico Mortara, che nel 1906 ammise di essere personalmente contrario ad estendere il diritto di voto alle donne, ma di essere moralmente costretto ad esprimere parere favorevole poiché sullo Statuto non esisteva nulla che impedisse il voto alle donne. La sentenza della Cassazione in seguito annullò la sentenza di Mortara, e le donne dovettero attendere fino al 1946 per poter esercitare il proprio diritto al voto.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi