Il turismo decolla grazie ai tedeschi e agli americani

puglia-1170x400

Ormai questa che si sta per concludere si può definire un’estate da record. Già nel biennio precedente si sono registrati dei dati molto positivi per il nostro bel paese ma in questo 2017 i dati sono in netto miglioramento. Il turismo in Italia è sempre in crescita e quest’anno prende il nome di meta preferita. Le destinazioni con maggior affluenza sono state Puglia, Sicilia ed Emilia Romagna con alcuni picchi anche nelle città d’arte. Secondo Federturismo ci dobbiamo aspettare un’affluenza di circa 22 milioni di persone e saranno circa 13 milioni le persone che la nostra penisola ospiterà nelle località turistiche. Si registra, inoltre, un forte aumento nella prenotazione anticipata (+15%), probabilmente grazie ai forti sconti che si registrano soprattutto sui vari siti online. Tanti anche gli italiani che decidono di trascorrere i loro giorni di riposo all’estero: tra le mete preferite si registrano Spagna, Grecia, Cuba, Messico e Cina. Il presidente del Federturismo, Gianfranco Battisti, definisce questo periodo come un momento eccezionale per il nostro sistema e questo viene anche aiutato dal fatto che l’Italia viene considerata come meta sicura dagli attentati. Il Touring Club ha analizzato le dinamiche del settore e ha riferito che l’Italia, con 50,7 milioni di turisti stranieri si piazza al quinto posto nella classifica delle destinazioni mondiali per arrivi internazionali. Viaggi e turismo generano il 4,2% del nostro PIL. Il primo posto lo occupa la Francia con un minimo incremento dell’affluenza (+0,9%), mentre il Messico, seppur al nono posto, è lo Stato che più ha incrementato l’affluenza (+9,4%).

QUESTO ARTICOLO TI È PIACIUTO?
CONDIVIDILO SUI SOCIAL, VIA MAIL E WHATSAPP

Devi essere autenticato per inviare un commento Login

Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.