ILVA, AMBIENTE SVENDUTO

 IL PROCESSO CONTINUA CODACONS: RESPINTO IL TENTATIVO DI FAR SALTARE IL PROCESSO, ORA NULLA FERMERÀ IL GIUDIZIO PER I GRAVI FATTI DELL’ILVA Respinti i tentativi degli avvocati degli imputati del processo “ambiente svenduto” di far saltare il processo, sono state accolte tutte le eccezioni delle parti civili e in particolare degli avvocati del Codacons Vincenzo Rienzi e Valerio Silvetti. L’Associazione esulta per la notizia: la Corte di Appello di Lecce non riconosce alcuna causa di impedimento nel procedere nel giudizio contro gli imputati per i gravi fatti dell’Ilva. La stessa Corte d’Appello, in accoglimento delle eccezioni sollevate dai difensori del Codacons, ha ritenuto che quanto dedotto dagli avvocati dell’Ilva costituisse eccezioni tardive e pertanto inammissibili. Proprio per la pretestuosità delle questioni sollevate dai difensori degli imputati la Corte ha anche condannato ciascuno di essi al risarcimento alla cassa delle ammende di euro 1500,00. Ora il processo andrà avanti e nulla potrà fermarlo, la prossima udienza è prevista per il 20 settembre.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi