ILVA: CODACONS CONTRO MINISTRO CALENDA

INDEBITE INTERFERENZE SU AUTONOMIA GIUDICI CHE DOVRANNO PRONUNCIARSI SUL RICORSO DELLA REGIONE

Duro attacco del Codacons al Ministro dello sviluppo economico, Carlo Calenda, dopo le ultime affermazioni rese a seguito del tavolo sul caso Ilva.

Dichiarare che in assenza di ritiro del ricorso presentato dalla Regione Puglia al Tar l’Ilva sarà costretta a chiudere il prossimo 9 gennaio, rappresenta una indebita interferenza sul ruolo autonomo della magistratura, e quindi una violenza nei confronti dei giudici che dovranno decidere il ricorso e dei cittadini che hanno fatto appello alla giustizia per avere migliori condizioni di vita – spiega l’associazione – Diffidiamo pertanto il Ministro Calenda ad astenersi da qualsiasi commento sul ricorso al Tar e sulle conseguenze di tale azione legale sull’Ilva, nel rispetto dell’indipendenza del tribunale e degli abitanti di Taranto, peraltro esclusi proprio dal Ministro dal tavolo con gli enti locali.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi