Ilva. M5S: “Renzi ed Emiliano smettano di giocare la loro partita politica sulla pelle dei tarantini”

TARANTO – “Da un lato c’è il governo nazionale che continua a prendere decisioni infauste sull’ILVA unicamente per favorire le lobby continuando a perseguire strade che non serviranno a migliorare la situazione ambientale e anzi rischiano di mettere per strada migliaia di lavoratori, dall’altro c’è un governatore regionale che continua, per pura propaganda elettorale, a sparare tesi sballate sulla decarbonizzazione continuando a illudere i tarantini anzichè focalizzarsi sui reali problemi del territorio. Nel frattempo si continua a ritardare il rilancio economico-ambientale di Taranto e nel capoluogo jonico i cittadini continuano ad ammalarsi.” Torna a ribadire l’irrealizzabilità della decarbonizzazione dell’Ilva il consigliere del M5S Antonio Trevisi, componente della V Commissione Ambiente, dopo la proposta di aggiudicazione dell’Ilva alla cordata formata da Arcelor Mittal e Gruppo Marcegaglia, presentata dai commissari del siderurgico al Mise.  

“L’Ilva è  un impianto nato a carbone – prosegue Trevisi – che ha un costo estremamente più basso rispetto al gas, e dunque l’acciaio ILVA non starebbe sul mercato senza l’uso di questo combustibile inquinante. Abbiamo già dimostrato e continueremo a farlo con sempre più impegno che le possibilità di riconversione industriale ci sono e sono molto diverse da quelle proposte dalla giunta regionale. Emiliano – conclude – anzichè continuare con la politica degli slogan iniziasse ad occuparsi delle serie urgenze ed emergenze su cui si continua a chiudere gli occhi come i pronto soccorsi che in ogni ospedale pugliese sono al collasso o come le problematiche dell’inquinamento che ha ormai aggredito le nostre falde, i nostri suoli e l’aria che respiriamo.”

Sulla questione interviene anche il candidato sindaco M5S di Taranto, Francesco Nevoli: “Oggi lo ribadiamo con ancora più forza: la sola strada percorribile per il  bene dei cittadini di Taranto è quella della chiusura delle fonti inquinanti e del reimpiego dei lavoratori nelle operazioni di bonifica, con la conseguente riconversione economica del territorio. L’unica priorità è quella di tutelare gli interessi dei tarantini rispetto agli interessi politici delle lobby, delle ecomafie e delle multinazionali.”

Alberto Claudio De Giglio



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi