In 500 al Teatro Curci di Barletta

In 500 al Teatro Curci di Barletta per un sold out speciale: due generazioni unite in nome dell’uguaglianza, dei diritti e della pace

Hanno partecipato Ivan Pedretti Spi Cgil Nazionale e Nina Daita Politiche disabilità Cgil nazionale

Tutti i vincitori e le menzioni tra le scuole che hanno concorso alla borsa di studio

BARLETTA (BA) – Un teatro non solo gremito ma anche tanto carico di emozioni. Il Curci di Barletta fa un tutto esaurito molto speciale, perché riesce nella difficile impresa di far comunicare tra loro due generazioni anagraficamente agli antipodi. Il merito va all’idea del Sindacato dei pensionati della Cgil, lo SPI, che, con il patrocinio del Comune e la collaborazione dell’Archivio della Resistenza e della Memoria di Barletta, vi ha chiamato a raccolta oltre 500 persone, tra pensionati di tutta la Puglia e studenti delle scuole di ogni ordine e grado della BAT per l’iniziativa che si è tenuta nel teatro martedì 23 febbraio. L’iniziativa dal titolo “Per non dimenticare” ha raggiunto l’obiettivo di declinare il tema dell’impegno per la memoria sulla Shoah attraverso centinaia di linguaggi diversi, grazie anche alla creatività dei ragazzi e alla capacità di coinvolgimento e di organizzazione delle scuole.

Un bel risultato raggiunto attraverso il bando della borsa di studio, istituita per la prima volta dallo SPI Cgil Puglia su proposta del sindacato dei pensionati della BAT, e rivolto alle scuole elementari, medie e superiori della sesta provincia pugliese: “Spogliati di tutto, tranne che nella dignità – oggi come ieri la libertà attraversa il mare e i fili spinati” è stato il tema su cui si sono scatenati la fantasia e l’estro creativo e culturale dei giovani concorrenti. 32 i lavori arrivati alla commissioni giudicatrice e provenienti dalle scuole di tutta la BAT.

Quella del concorso per le scuole è una tappa di un percorso sulla memoria che lo SPI Cgil costruisce da tempo e che in Puglia coinvolge ogni anno centinaia di persone, tra pensionati e studenti, organizzando annualmente un Viaggio ad Aushwitz e Birkenau. Viaggio che è stato raccontato, oltre che dalla proiezione del video “Viaggio della memoria” realizzato dall’associazione Deina, anche dalle due giovani testimoni Marialuisa e Stefania, studentesse dell’Istituto Colasanto di Andria e dal pensionato Giuseppe.

Emozionati e intensi anche gli interventi dei rappresentanti delle istituzioni (Prefettura, Comune, Provincia), degli organizzatori e del Sindacato che si sono avvicendanti sul palco, coordinati dalla giornalista Floriana Tolve; tra questi: Pasquale Gammarota, Segretario generale SPI Cgil BAT, Giuseppe Spadaro, Segretario generale SPI Cgil Puglia, Gabriele Cioncolini, responsabile Progetto memoria Spi Cgil, Luigi Di Cuonzo responsabili Archivio della Resistenza e della Memoria di Barletta, Ivan Pedretti, Segretario generale dello SPI Cgil nazionale, e Nina Daita,  responsabile per la CGIL nazionale delle politiche per la Disabilità.

“Iniziative come queste lasciano il segno nella memoria di ognuno di noi”, ha detto il Segretario generale dello SPI Cgil nazionale Ivan Pedretti: “Il segno di un impegno che si trasmette da una generazione all’altra. Solo così possiamo continuare a difendere i valori su cui è stata costruita la nostra Costituzione, primo fra tutti l’uguaglianza e la parità di diritti e dignità tra tutte le persone”. “Commuovetevi per chi sta male, – è stato infine l’invito di Pedretti rivolto ai ragazzi – siate duri con chi discrimina e alimenta l’odio. E soprattutto studiate, perché dalla conoscenza della storia e degli errori del passato può nascere una società più giusta e solidale”.

Pregno di significato il concetto di parità di diritti espresso nell’intervento della responsabile per la CGIL nazionale delle politiche per la Disabilità, Nina Daita: “Oggi il punto di partenza è l’uguaglianza tra chi è forte e chi è meno forte. Il passato non passato non passa se non si costruisce un futuro che conserva la memoria del male presente nella storia. Per questo – ha aggiunto la Daita – quella dell’Olocausto, in cui i primi ad essere stati sterminati sono stati i disabili, è una storia che riguarda tutti. Amiamo la democrazia e le diversità!”.

Un misto di soddisfazione e di commozione nei volti dei Segretari generali SPI Cgil della Puglia e della BAT, intervenuti più volte nel corso dell’iniziativa. “La speranza di questo paese sono i ragazzi e le ragazze”, ha detto Giuseppe Spadaro spiegando il senso dell’evento e ricordando che oggi i fili spinati imbrigliano le speranze di migliaia di bambini, di donne e di uomini che ogni anno muoiono all’insaputa di tutti, scomparendo nel Mediterraneo o nelle cifre elencate nell’ennesima cronaca di tragedie a cui non possiamo assuefarci”.

Sulla stessa linea il messaggio di Gammarota: “L’emozione e la commozione che suscitano in noi i bambini sono il segno di una speranza che rinasce, in un momento in cui c’è il rischio che il valore degli ideali che hanno mosso le nostre lotte sia dimenticato, se non addirittura cancellato. Questi giovani sono la speranza per un futuro migliore per tutti”. 

Ecco L’elenco dei vincitori delle borse di studio (in allegato il file completo con tutti gli altri partecipanti)

1)   Scuole superiori

Lavori meritevoli di menzione: “La scala di grigi – Arte e Shoah”, Liceo Classico Alfredo Casar Di Barletta IV D (insegnante Adriana Basile); “La valigia” Liceo Scentifico Carlo Cafiero Barletta IV D – V D (insegnante Anna Valente).

Lavori vincitori ex aequo del premio di mille euro più targa: “Popoli in cammino” Istituto Superiore Giuseppe Colasanto Andria V B PCP (insegnante Mario Dimatteo); “Uomini e basta”, Istituto Superiore Michele Dell’aquila San Ferdinando Di Puglia IV R (insegnanti Antonietta Distaso, Rita Digioia, Filomena Dalò, Capolongo Miriam, Scaringella Rachele).

2)   Scuole medie inferiori:

Lavori meritevoli di menzione: “L’urlo silenzioso della dignità” (omaggio a Shlomo Venezia) Scuola Secondaria 1° grado Baldacchini – Manzoni 55 Barletta II G – III C (insegnanti Vania Lanfranchi e Maria Rita Dimiccoli); “…destinazione Germania” Scuola Secondaria 1° grado Baldassarre 21 Trani III L (insegnanti Alessandra De Robertis e Musicco Chiara).

Lavori vincitori ex aequo del premio di 700 euro più targa: “Attraverso il mare” Scuola Secondaria 1° grado Giuseppe De Nittis Barletta III D (insegnanti Maria Sterpeta Dimatteo e Anna Maria Damato); per “Io ti ricordo contro l’indifferenza” alle classi II A – II B – II CII D – II E – III AIII C dell’Istituto Comprensivo Pietrocola – Mazzini Minervino Murge (insegnante Maria Laura Mancini)

3)   Scuole elementari

Lavori vincitori ex aequo del premio di 300 euro: due classi del 5° Circolo Didattico G. Modugno Barletta: per “Prima di tutto: vita, libertà e pace”, la  V C (insegnante Maria Antonia Annacondia); per  “Oltre i fili: l’orizzonte”, la V D (insegnante Addolorata Lacerenza).

Moltissimi gli attestati per chi ha partecipato: sono stati infatti 32 i lavori presentati al concorso. In allegato il file completo con tutte le scuole concorrenti e presenti all’iniziativa.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi