Inaugurata dal ministro Galletti la mostra Unesco su cibo e ambiente

REGGIO EMILIA – Alla presenza del ministro dell’Ambiente e della Tutela del territorio e del mare, Gian Luca Galletti, è stata inaugurata questa mattina a Palazzo Allende, sede della Provincia di Reggio Emilia, la mostra dell’Unesco “Behind Food Sustainability” che fino al 24 novembre consentirà – in particolare al mondo delle scuole – di riflettere sul rapporto fra uomo, cultura, natura e produzione/consumo di cibo e, più in generale, sulla salvaguardia del patrimonio culturale e naturale come elemento fondante dello sviluppo sostenibile.

A fare gli onori di casa, in una Sala del Consiglio provinciale gremita di rappresentanti delle istituzioni e studenti del Motti, il presidente della Provincia di Reggio Emilia Giammaria Manghi,  che ha parlato di “importante occasione per favorire un miglior approccio culturale a tutte le tematiche relative alla sostenibilità ambientale proprio da parte delle giovani generazioni,  un cammino di civiltà teso a un migliore rapporto con l’ambiente che rientra tra le scelte di programmazione quotidiana di tutte le istituzioni reggiane come conferma la scelta di questa sede, la Provincia, che è la casa dei Comuni”.

“Una corretta produzione alimentare che passi attraverso la lotta agli sprechi e all’inquinamento, come anche fin dal Padiglione Zero l’Expo ci ha ricordato, è un obiettivo fondamentale, perseguibile solo con una formazione permanente dei nostri giovani che non dobbiamo mai cessare di promuovere”, ha aggiunto il presidente Manghi sottolineando inoltre con “grande favore la forte interazione forte tra Ministero dell’Ambiente e Ministero dell’Agricoltura che si registra in questo mandato governativo” e “l’importanza, ai fini della valorizzazione del territorio, del riconoscimento assegnato dall’Unesco al nostro Appennino come area Mab, riconoscimento sul quale è iniziata una riflessione anche nella zona del Po”.

Di “mostra importante, che è giusto ospitare in una sede istituzionale rappresentativa dell’insieme dei Comuni e del territorio,” ha parlato il sindaco di Reggio Emilia Luca Vecchi, per il quale “il  tema del cibo negli ultimi anni ha compiuto un salto di qualità a livello di attenzione da parte dell’opinione pubblica, e questo è molto positivo perché il tema del food, che è al tempo steso locale e globale, è fondamentale per costruire una positiva  idea di sviluppo, ma anche di comunità”.

Sul significato dell’Area Mab si è soffermato anche il presidente del Parco nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano Fausto Giovanelli: “E’ un riconoscimento non solo morale o di immagine, ma profondamente operativo e interattivo, che ci permette di promuovere un concetto fondamentale: quello di prenderci cura del nostro territorio per prenderci cura del pianeta, promuovendo un rapporto attento colto e rispettoso tra uomo e natura”. In questo, “il sistema dei Parchi svolge un ruolo importantissimo, attraverso  una interazione feconda con il mondo della scuola, ma anche con il mondo della produzione, mettendo in valore anche l’economia sostenibile”.

Il prefetto di Reggio Emilia, Raffaele Ruberto, ha portato il suo saluto, definendo quello reggiano “un territorio con enormi risorse tra cui proprio la produzione di qualità e la biodiversità,  punte di diamante del Made in Italy”: “Anche il sistema scolastico reggiano rientra tra queste eccellenze – ha aggiunto – e questo è altrettanto importante perché a questi ragazzi passeremo il testimone”.

Proprio in rappresentanza del sistema educativo è intervenuta la dirigente scolastica degli istituti D’Arzo e Motti Maria Sala, evidenziando “la valenza educativa di una mostra che rappresenta un punto di partenza per un percorso di spessore per i ragazzi, finalizzato a sensibilizzarli sui temi della sostenibilità, del cibo quale elemento caratterizzante di ognuno di noi e del nostro territorio, ampliando i loro orizzonti portandoli a conoscere l’identità  culturale del mondo che ci circonda e, dunque, aiutandoli a costruire un pensiero critico che favorisca lo sviluppo di mercato che non sprechi, ma condivida le risorse”.

In conclusione, l’intervento del ministro dell’Ambiente e della Tutela del territorio e del mare, onorevole Gian Luca Galletti, soddisfatto “per questa mostra che racchiude le bellezze italiane e viene ospitata in una provincia di grande cultura e rispetto del territorio e ricca di eccellenze agroalimentari”. Dopo aver a sua volta sottolineato l’importanza della qualifica di area Mab ottenuta dall’Appennino reggiano “per la sua valenza internazionale che ci permetterà di collaborare con altre esperienze, acquisendo le buone pratiche che ci sono in altre parti del mondo e facendo conoscere le nostre”, il ministro si è soffermato sul fondamentale ruolo ricoperto dai “parchi italiani, che proteggono ben il 10% di un territorio che ha una biodiversità tra le più ricche al mondo”. “Parchi che sono nati per la conservazione, ma oggi occorre fare un passo in avanti perché investire nei parchi conviene a tutti rappresentando una grande leva di sviluppo per un Paese, come il nostro, che ha nel proprio Dna tre punti di forza: bellezza, cultura e tradizione”, ha detto anticipando che proprio in questa direzione va la nuova legge sui Parchi che sarà a breve presentata.

“La gestione del territorio è fondamentale perché evita tantissimi problemi: io ho il terrore dei pezzi di territorio non gestiti, perché diventano più fragili e, dunque, pericolosi”, ha aggiunto il ministro Galletti auspicando “un presidio forte, con il maggior numero possibile di attività nei parchi ed il coinvolgimento degli agricoltori, che sono i miei migliori amici”.

 “Il futuro del nostro Paese è nei parchi, che rappresentano anche un formidabile strumento di educazione per sviluppare una cultura ambientale seria in un Paese nel quale dobbiamo fare i conti con ancora troppa maleducazione ambientale”, ha concluso il ministro.

La mostra ‘Behind Food Sustainability’

La mostra racconta per immagini il rapporto fra uomo, cultura, natura e produzione/consumo di cibo e, più in generale, la salvaguardia del patrimonio culturale e naturale come elemento fondante dello sviluppo sostenibile. ‘Behind Food Sustainability’, realizzata dall’Unesco, mette in evidenza le esperienze provenienti dalla rete di siti Patrimonio mondiale, dalle Riserve di biosfera e dagli elementi del Patrimonio culturale immateriale. Luoghi reinterpretati come modelli di sostenibilità alimentare, dai quali trarre ispirazione per un futuro sostenibile. Inoltre la mostra Unesco presenta una sezione dedicata all’Area Mab (Man and the Biosphere) dell’Appennino Tosco Emiliano che approfondisce alcuni temi specifici. Tra i tanti temi affrontati “Intreccio di diversità biologiche e culturali: nell’equilibrio tra uomo e natura il segreto per affrontare i rischi dell’omologazione”; “Frontiera climatica, terra di passaggio, incanto di paesaggi: tra Europa e Mediterraneo, tra Pianura padana e mare, un caleidoscopio della natura”; “Riserva delle sorgenti, energia per la vita: preservare e gestire l’acqua, risorsa primaria”; “Coltivare l’Appennino, sviluppare l’economia locale: l’agroalimentare presidio del territorio, fattore di identità collettiva e di coesione sociale”.

La mostra sarà visitabile per le scuole e per gruppi organizzati fino al 24 novembre su prenotazione telefonando al numero 0522.444427.

Fabio Macchi



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi