Incontro sulle attività del Piano antincendi boschivi

Incontro sulle attività del Piano antincendi boschivi
Il dirigente di settore dell’Unità organizzativa autonoma politiche della montagna Salvatore Siviglia ha presieduto, nella sede della Cittadella regionale, un incontro tecnico-operativo allo scopo di verificare le attività di programmazione del Piano Antincendi boschivi (Aib) 2018.

Oltre ad alcuni rappresentati della Protezione civile della Regione, dell’Arpacal (centro funzionale multirischi), del Dipartimento Vigili del fuoco soccorso pubblico e della difesa civile, dell’Anci Calabria, sono intervenuti alla riunione il dirigente generale del Dipartimento presidenza Domenico Pallaria, il direttore generale di Calabria verde Aloisio Mariggiò, il comandante regionale dei Carabinieri forestali Giorgio Maria Borrelli, il direttore regionale dei Vigili del fuoco Renato Cardia

Il dirigente Siviglia, dopo aver ricordato che il termine ultimo per la redazione del Piano Aib regionale previsto dalla legge è il 30 aprile prossimo, ha evidenziato che le risorse finanziarie a disposizione risultano insufficienti rispetto alle reali esigenze legate al potenziamento dei mezzi e delle squadre utilizzate per la lotta attiva agli incendi. “Per questo motivo – ha affermato – è necessario che tutti gli Enti coinvolti forniscano il proprio contributo per strutturare, in modo ottimale, un modello per l’utilizzo delle attività di spegnimento ed evitare di condizionare l’organizzazione ottimale dell’intero sistema Aib regionale. È quindi necessario – ha rimarcato – acquisire il maggior numero di informazioni relative alle aree a più alta criticità, sia riguardo alla mappature della zone di interfaccia periurbane che alla perimetrazione delle aree percorse dal fuoco con l’aggiornamento del catasto incendi”. Siviglia ha poi chiesto al rappresentante dell’Anci Vincenzo Granata di farsi portavoce con i Comuni per sollecitare l’invio dei relativi dati anche in ottemperanza a quanto stabilito dalla norma in materia.

Il direttore di Calabria Mariggiò ha esplicitato quali sono le forze messe in campo dal proprio ente in termini di squadre utilizzate nella lotta attiva agli incendi ed ha fornito elementi utili per la risoluzione di qualche criticità legate alla mancata copertura di alcuni territori in termini di unità operative impegnate nello spegnimento attivo, di aumento dei punti d’acqua e dell’utilizzo dei mezzi per lo spegnimento.

Nel suo intervento, il Comandante Carabinieri forestali Borrelli ha definito le competenze del Corpo, alla luce degli ultimi aggiornamenti legislativi. “Competenze – ha detto – che soprattutto nelle aree protette, possono risultare utili sia per la perimetrazione e la geolocalizzazione delle aree percorse da incendi, sia per le attività di prevenzione e repressione degli incendi boschivi”. Ha inoltre sottolineato il lavoro costante del Corpo dei Carabinieri forestali nell’azione di repressione e di prevenzione degli incendi ed ha auspicato la mobilitazione della cittadinanza in un clima di maggiore responsabilizzazione.

L’importanza del coordinamento tra le varie figure coinvolte “per non disperdere energie e meglio incidere nella lotta agli incendi” è stata messa in evidenza dal direttore dei Vigili del fuoco Renato Cardia. “C’è l’esigenza – ha ribadito – di un unico sistema di gestione degli interventi, basato sull’interscambio di informazioni, per razionalizzare le forze in campo. In tal senso auspico un maggiore coinvolgimento dei Comuni nella definizione dei piani di protezione civile e nelle ordinanze emesse dai sindaci per un maggiore coinvolgimento della popolazione verso interventi utili alla salvaguardia e alla prevenzione degli incendi”.

Anche gli altri partecipanti all’incontro, tra cui Giampiero Rizzo, responsabile del servizio Aib Calabria Vvf, Francesco Bruno della Protezione civile, Francesco Fusto dell’Arpacal, hanno posto l’accento sull’importanza della collaborazione tra le forze in campo e sulla necessita di programmare un unico modello di intervento, mentre il coordinatore regionale Aib Edoardo D’Andrea ha proposto il riconoscimento della Soup come unico soggetto deputato alla gestione.

Al termine il dirigente Salvatore Siviglia ha invitato tutti a fornire, in tempi rapidi, utili contributi per la revisione e l’aggiornamento del Piano Aib anno 2017 disponibile per la consultazione su portale istituzionale www.regione.calabria.it. p.g.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi