INFLAZIONE: ISTAT CONFERMA, PREZZI NOVEMBRE -0,2% MESE

CODACONS: PREZZI FRENANO PER EFFETTO DEL CALO DELLE VENDITE. MAGGIORE SPESA A FAMIGLIA SCENDE A +272 EURO SU BASE ANNUA

La frenata dell’inflazione a novembre è da ricercarsi nel calo delle vendite al dettaglio registrato negli ultimi mesi in Italia. Lo afferma il Codacons, commentando i dati definitivi forniti oggi dall’Istat.

“L’andamento dei listini rispecchia la frenata dei consumi da parte degli italiani – spiega il presidente Carlo Rienzi – Gli ultimi dati Istat ci dicono infatti che le vendite hanno registrato una preoccupante inversione di tendenza, tornando al segno negativo sia in volume che in valore. Numeri pesanti che si riflettono sull’inflazione, fermando la ripresa dei prezzi con effetti negativi per l’intera economia”.

In base alle stime del Codacons, l’inflazione allo 0,9% % fa scendere l’aggravio di spesa per i consumatori legato all’aumento dei prezzi al dettaglio a +272 euro a famiglia su base annua.

“E’ evidente come di fronte a vendite in calo e inflazione al di sotto delle aspettative servano misure in grado di incentivare i consumi delle famiglie – prosegue Rienzi – Disporre la chiusura dei negozi la domenica e nei giorni festivi, così come chiesto dal M5S, andrebbe nella direzione opposta e non farebbe altro che aggravare la situazione di crisi attuale del commercio”.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi