IUS SOLI, MALAN: MAGGIORANZA SCATENATA CONTRO GLI ITALIANI

stefano

Lucio Malan (Forza Italia), Questore del Senato, ha dichiarato:”Dopo aver fatto melina per 14 mesi in commissione, PD e resto della maggioranza vanno ora a testa bassa in aula sullo ‘ius soli’. Col pretesto dei numerosi emendamenti della Lega, dall’aprile 2016, il provvedimento è stato esaminato sono per mezza breve seduta. Da chi viene il vero ostruzionismo? Quel che è grave è che l’ostruzionismo della maggioranza non è volto contro un provvedimento, ma contro la possibilità del Senato di esprimersi sui vari aspetti di esso.
Altra cosa sono le parole fuori luogo e gli eventuali spintoni, che sono sbagliati e vanno sanzionati. Manifesto solidarietà alla ministra Fedeli. Ma questi atti non possono giustificare violazioni del regolamento e della Costituzione, la quale impone che ogni provvedimento sia esaminato anche in Commissione. Se qualcuno pensa che votare tre emendamenti su ottomila in un’ora di lavoro in un anno e due mesi sia esaminare è evidente che disprezza la Costituzione.
Il tentativo di PD e AP di far credere che l’ondata di immigrati non abbia a che fare con lo ‘ius soli’ è assai maldestro e gli italiani non ci cadranno. Il provvedimento riguarda eccome coloro che sbarcano in Italia: in cinque anni potranno avere la cittadinanza per il solo merito di aver frequentato, a carico dei contribuenti italiani, le nostre scuole, anche se in nessuno di quegli anni avranno ottenuto la promozione. Un palese incentivo a nuovi arrivi in Italia, dove già oggi giunge oltre l’80% degli sbarcati in Europa.
Negli USA c’è lo ius soli, ma con due grosse differenze: non c’è nessuna corsia preferenziale alla cittadinanza per chi ha frequentato cinque anni di scuola ed è ben chiaro nella legge che essere genitori di un bambino che è americano per lo ius soli non dà alcun diritto a restare. I bambini nati nell’Unione se ne devono andare insieme ai loro genitori non appena a questi scade il visto. Nella sciagurata legge del PD questo non c’è e dà ai trafficanti un ulteriore lucroso mercato: garantire la residenza in Italia sfruttando i bambini, magari comprati.”

QUESTO ARTICOLO TI È PIACIUTO?
CONDIVIDILO SUI SOCIAL, VIA MAIL E WHATSAPP

Devi essere autenticato per inviare un commento Login

Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.