La cittadinanza onoraria di Bra all’Arma dei Carabinieri

Partecipata cerimonia pubblica in conclusione dell’edizione dei record di “Cheese”
“All’Arma dei Carabinieri partecipe di tutti i mutamenti del Paese e della nostra città quale insostituibile presidio della pubblica e privata sicurezza”. Questo il testo riportato sulla pergamena che  è stata consegnata al comandante della legione Piemonte e Valle d’Aosta dei Carabinieri, il generale di brigata Gino Micale, formalizzando il conferimento della cittadinanza onoraria di Bra all’Arma. La consegna è avvenuta sul palco ufficiale dell’edizione 2015 di “Cheese – Le forme del latte”, la cui edizione con numeri record di presenze si stava per concludere.
“Con la loro capillare presenza, con l’abnegazione che anima chi ha deciso di servire l’Arma, con una organizzazione marziale che non dimentica mai di essere al servizio della gente, i Carabinieri sono un pezzo di quell’Italia di cui andiamo fieri” – ha detto il sindaco di Bra, Bruna Sibille – “Un paese che cambia ogni giorno, magari per assomigliarsi sempre di più, come spesso i Carabinieri hanno fatto, fedeli nei secoli è vero, ma pronti a mutare per rendere il loro operato adeguato ai tempi, ai mezzi e alle tecnologie che l’epoca richiede”.
A consegnare con la prima cittadina il riconoscimento, anche gli amministratori comunali braidesi e i consiglieri comunali dei ragazzi di Bra. In precedenza era intervenuto il presidente del consiglio comunale, Biagio Conterno, sottolineando l’importanza dei due secoli di storia dell’Arma e il sacrificio di alcuni suoi militari, come Salvo d’Acquisto, di cui ricorre a giorni l’anniversario. L’assessore alla polizia locale Fabio Bailo ha voluto invece ricordare la figura di Angelo Ballerini, comandante della stazione dei Carabinieri braidesi, assieme al figlio Danilo eroe della guerra di liberazione.
Nel suo intervento, lo stesso generale Micale ha voluto rifarsi proprio alla figura di Ballerini indicandolo come un esempio di una persona che non si è voltata dall’altra parte ma ha compiuto la scelta giusta, manifestando l’orgoglio dei militari dell’Arma nel potersi fregiare del titolo di cittadini onorari della città della Zizzola. La cerimonia si è conclusa con l’inno di Mameli cantato dal coro di voci bianche diretto dal maestro Nino Cornaglia. (rg)



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi