La Libia da lezione di Sovranità all’ Italia e alle ONG,delimitando legittimamente la sua zona Save and Rescue

 Finalmente la Libia ha determinato la sua competenza territoriale nella zona SAR,acronimo di Save and Rescue, che insieme alla Tunisia aveva ratificato nel 1979 ma a cui non aveva mai dato una specifica competenza in miglia marittime. Tutto ciò fino ad ora aveva permesso alle 10 ONG presenti nel Mediterraneo(Moas, Seawatch, Sos Méditerranée, Sea Eye, Medici senza frontiere, Proactiva Open Arms, Life Boat, Jugend Rettet, Boat Refugee, Save the Children )di giocare sul filo dell’equivoco nelle procedure di salvataggio i cui protocolli furono delineati per casi sporadici e non per chi ne facesse un business forte del fatto che L’area del Mar Libico a sud di quella maltese e confinante con le acque territoriali della Libia non era posta sotto la responsabilità di alcuno Stato, potevano fino a ieri intervenire indisturbate. Il protocollo farsa che il Governo italiano in queste ore, forse più per propaganda elettorale che per effettiva competenza e autorità,ha tentato di far firmare invano a tutte le ONG operanti nella zona, va subito a decadere di importanza e funzionalità. Per buona pace del mostruoso network che gira dietro al business migratorio, da OpenPolitics, ad Avaaz ai vari fanatici mondialisti aderenti alle carte di Roma e di Lampedusa, la Libia mette fine a tutto riprendendosi la sua Sovranità territoriale richiamando i legittimi diritti di difesa dei confini. La Libia mette a discapito delle ONG i primi tasselli di ricomposizione della struttura statale, il cui rispetto dei confini e delle zone di azione è di primaria importanza, verrà accettata davvero da chi ha sempre lamentato una mancanza di interlocuzione chiara col governo di tripolino di avere qualcuno che spara sulle operose e miracolose navi delle ONG? Ricordo personalmente, alla struttura della ONG MOAS che nella competenza territoriale SAR libica vale anche lo spazio aereo, quindi farei attenzione a sorvolare la zona con nuovo”King Air B 200″, se non sbaglio acquistato da poco, sarebbe un peccato farlo abbattere dalla contraerea Libica buttando più di 5 milioni di euro di aereo. Edoardo Maria Anghinelli Presidente Italia Sicura-ONSCI



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi