La pioggia, a contatto con il suolo molto freddo o con qualsiasi altra superficie, congela formando un insidioso strato di ghiaccio

Le condizioni meteorologiche che portano alla formazione del gelicidio o pioggia che gela al suolo sono:

– scorrimento di aria più calda in quota, legata a correnti umide e miti occidentali, che accompagnano una perturbazione atlantica, con piogge deboli o pioviggini

– presenza di un cuscinetto di aria fredda al suolo formatosi in seguito a precedenti irruzioni di aria polare in pianura Padana.

Le zone dell´Emilia-Romagna, dove è maggiore la probabilità che si formi il gelicidio, sono le province di Piacenza e Parma che risentono del maggiore ristagno di aria fredda che si accumula nella parte occidentale della Val Padana. Tale fenomeno può tuttavia interessare anche il resto della regione, con minor probabilità della Romagna.

La catena alpina e l´Appennino settentrionale chiudono su tre lati quella parte del territorio, impedendo il rimescolamento dell´aria calda, meno densa, con il sottostrante strato di aria fredda, più densa e quindi più pesante. Il cuscinetto freddo è eroso più lentamente sul settore occidentale a causa dell´altezza dell´Appennino emiliano. Sul settore romagnolo il rimescolamento è invece più veloce, sia per la minore altezza dei rilievi, sia per le frequenti intrusioni di aria dal mare Adriatico.

Per sopraffusione si intende quel processo di raffreddamento di un liquido al di sotto della sua temperatura di solidificazione, senza che avvenga la solidificazione.

Dall´osservazione del profilo verticale della temperatura registrato dalla stazione di San Pietro Capofiume alle ore 23:00 UTC di giovedì 12 gennaio, si può osservare come la linea rossa segua l´andamento della linea blu tratteggiata del gelicidio.

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi