La TAC di Matera è ancora in manutenzione?

Nonostante le repentine e risentite rassicurazioni da parte della direzione generale dell’ASM, sembrerebbe che il cattivo funzionamento dell’apparecchiatura TAC (Tomografia assiale computerizzata) del Presidio Ospedaliero Madonna delle Grazie di Matera, sia tutt’altro che archiviato.

Nella nota dell’ASM veniva evidenziato il fatto che il fermo della TAC fosse avvenuto a seguito di una “manutenzione ordinaria e programmata dei macchinari”. Ad oggi, rincresce evidenziarlo, è rimasta priva di esito la nostra richiesta finalizzata ad ottenere copia della documentazione tecnica relativa agli interventi di manutenzione, riparazione e sostituzione componenti effettuati nell’ultimo triennio sulle apparecchiature. Da parte nostra, naturalmente non vi è alcuna intenzione di creare inutili allarmismi al contrario di quanto farebbero pensare alcune allusioni della dirigenza ASM. Vorremmo esclusivamente che il diritto alla salute fosse sempre garantito e mai messo a rischio.
La TAC del Madonna delle Grazie è finita anche sotto la lente di ingrandimento dell’ANAC. In una recente delibera scaturita da un un’ispezione del S.I.Fi.P. (Servizio Ispettivo della Finanza Pubblica della Ragioneria Generale dello Stato) relativa all’attività negoziale svolta in qualità di stazione appaltante dall’ASM Matera nel periodo 2012-2015, Cantone ha posto pesanti interrogativi sui servizi di manutenzione delle apparecchiature dell’ospedale Madonna delle Grazie di Matera. In un passaggio si fa riferimento esplicito al “Servizio di manutenzione e assistenza tecnica del tomografo in dotazione al P. O. di Matera (valore complessivo di € 530.833,33, canone annuo € 70.000,00, durata contrattuale 7 anni e 7 mesi) ed alle apparecchiature ad esso connesse”. Secondo l’ANAC le modalità con cui è stato affidato il servizio di manutenzione (attraverso trattativa privata) non soddisferebbero quanto previsto dal codice dei contratti.

L’ANAC ha evidenziato altre anomalie relative a reiterate proroghe di contratti in corso, al ricorso ad affidamenti diretti ed alla comparazione dei prezzi in ambito sanitario rispetto ai prezzi di riferimento pubblicati sul sito dell’Autorità a partire dall’1/7/2012.

Anche Cantone quindi è in attesa di chiarimenti. Non ci resta che aspettare il nostro turno sperando che i disagi per i pazienti e le rispettive famiglie non si prolunghino oltre e che questa selva di disservizi, appalti e “riorganizzazioni” non si trasformi in una palude di disagi per i cittadini.

Gianni Perrino

Portavoce M5S Basilicata – Consiglio Regionale



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi