La tappa di ANCInTOUR a Sondrio

Non possiamo aspettare che ci sia un cambiamento nell’economia globale per poter governare, dobbiamo continuare il nostro lavoro e capire dove andare”. È chiaro il pensiero sul ruolo degli amministratori locali di Alcide Molteni, Sindaco di Sondrio, manifestato questo pomeriggio in apertura della tappa nella sua città di AncinTour; pensiero supportato dalle evidenze, poiché “proprio per questo nostro impegno nell’amministrazione, come testimoniano anche i risultati di recenti ricerche, i cittadini continuano ad avere fiducia nei Sindaci”.
Molteni ha ripercorso i “momenti difficili vissuti per far quadrare i nostri bilanci”, anche se “oggi è indubbio e del tutto evidente che ci sono prospettive diverse”. In questi anni, infatti, i primi cittadini avevano “l’esigenza non solo di disporre di risorse ma di poter mantenere i servizi, anche di fronte a una situazione dove sugli Enti locali sono state versate nuove funzioni”.
Molteni ha quindi sottolineato il ruolo dell’Anci “che porta avanti le istanze dei Comuni e, per questo, non possiamo dire sempre sì, dobbiamo avere la forza e la coesione tra di noi per chiedere ascolto”.
Ha sottolineato il ruolo dell’Associazione dei Comuni anche Luca Della Bitta, Sindaco di Chiavenna, Presidente della Provincia di Sondrio e responsabile del dipartimento innovazione di Anci nazionale, per il quale “Anci riunisce molti Comuni ed è necessario che al suo interno si affrontino anche le problematiche dei piccoli centri e di quelli montani”. Per Della Bitta è “necessario semplificare le procedure, soprattutto per i piccoli enti, che hanno strutture limitate e fanno fatica a seguire le novità normative”.
Parlando agli Amministratori presenti, il Presidente di Anci Lombardia Virginio Brivio, ha considerato come l’Associazione ha chiesto al nuovo Presidente della Regione un “piano Marshall per la Montagna”, auspicando il passaggio a una “Regione intesa come soggetto meno gestore di servizi ma più coordinatore delle azioni degli Enti locali”. Questo nell’ottica di una maggiore autonomia, tema sul quale Anci Lombardia, “all’indomani del referendum regionale, ha costituito un gruppo di lavoro a sostegno della Regione Lombardia nel confronto con il Governo”.
Il Segretario generale di Anci Lombardia, Pier Attilio Superti, ha posto l’attenzione sulla finanza locale, sottolineando come con le ultime leggi di stabilità si sia “imboccata una strada per uscire dai continui tagli, per un totale di 13 miliardi negli ultimi anni”. Un aiuto ulteriore è venuto dall’intesa tra Anci Lombardia e Regione Lombardia sul patto di stabilità regionale, grazie al quale nel 2017 sono stati messi “a disposizione dei Comuni 46milioni di euro, sotto forma di spazi finanziari per utilizzare gli avanzi di gestione e realizzare opere senza aggravare gli obiettivi di bilancio degli Enti”.
Le proposte e i servizi per i Comuni del territorio dell’alta Lombardia sono stati illustrati da Onelia Rivolta, vice direttore di AnciLab, che ha annunciato la firma di un accordo con Regione Lombardia e la Scuola regionale di Protezione Civile, che porterà all’avvio di un corso di formazione sulla pianificazione degli interventi per gestire il rischio valanghe.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi