L’Assessore Baccega interviene in Consiglio sulle misure di semplificazione della normativa urbanistica

Nel corso dei lavori di oggi, martedì 7 novembre 2017, del Consiglio regionale, l’Assessore alle Opere pubbliche, difesa del suolo e edilizia residenziale pubblica Mauro Baccega ha risposto a un’interrogazione relativa alla presentazione di modifiche alla legge regionale n. 11/1998 in materia di urbanistica e, in particolare, quando queste misure di semplificazione della normativa urbanistica verranno portate all’attenzione della competente Commissione consiliare.

L’Assessore Mauro Baccega, ha confermato che il lavoro che l’Assessorato sta facendo rispetto alle modifiche della Legge 11 prosegue secondo gli indirizzi politici che erano stati avviati prima e successivamente al 10 marzo 2017.
L’Assessore ha quindi sottolineato i punti che andranno a sostanziare il disegno di legge di riforma che, in particolare, introduce semplificazioni relative al procedimento di approvazione delle varianti sostanziali ai PRG; riorganizza la materia relativa ai centri storici; modifica aspetti del titolo V sugli ambiti inedificabili (vincolo idrogeologico); riformula l’articolo 60bis sulla procedura per il rilascio del permesso di costruire, tenendo conto delle recenti riforme statali in merito alle conferenze di servizio; introduce modificazioni all’art. 95 sui requisiti igienico sanitari volte a facilitare il recupero di edifici esistenti al 1975; disciplina le distanze tra le costruzioni e dai confini.
Oltre a modificare direttamente la l.r. 11/1998, il nuovo disegno di legge prevede adeguamenti anche consistenti della l.r. 12/2009, riguardante la Valutazione Ambientale Strategica (VAS) dei PRG, per coordinare i due testi sulla nuova procedura relativa alle varianti sostanziali ai PRG, nonché altre leggi vigenti quali ad esempio la l.r. 24/2009 (Legge casa).
L’iter per la predisposizione di un testo di tale complessità – ha quindi spiegato Mauro Baccega – è inevitabilmente lungo.
Oltre alla presentazione alla Consulta regionale dei lavori pubblici del 24 luglio 2017, il testo di legge è stato oggetto di condivisione con strutture regionali, personale tecnico del CELVA, rappresentanti degli ordini e collegi professionali.

Conclusa la fase in corso di condivisione con il gruppo FINES, prevedibile entro la metà di novembre, le ulteriori fasi dell’iter di predisposizione del disegno di legge prevedono la condivisione dell’insieme del testo normativo con gruppo di lavoro degli ordini e collegi professionali, da concludere entro fine anno; la revisione del testo normativo da parte della Struttura affari legislativi; l’esame del testo da parte della Giunta regionale per la trasmissione al CPEL; la valutazione del disegno di legge da parte del CPEL; il recepimento delle eventuali proposte di modificazione del CPEL da parte della Giunta regionale e invio del testo al Consiglio Regionale.
Risulta difficile, ad oggi – ha quindi concluso Mauro Baccega – essere precisi sui termini dell’intero iter. È sicuramente intenzione dell’esecutivo riuscire ad approvare il disegno di legge entro il termine della legislatura.

 

 



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi