Lavoro: Melilla, aumenta quello povero

Al di là della propaganda governativa sulle ‘magnifiche sorti e progressive’, in Italia il Jobs Act, con decine di miliardi di euro di sgravi contributivi per le imprese, ha determinato un aumento smisurato del lavoro precario e a tempo determinato. Il lavoro povero segna le nuove generazioni che pagano il prezzo più pesante della crisi occupazionale con un tasso di disoccupazione oltre l’11%, il doppio della media europea e con una disoccupazione giovanile oltre il 37%.
Lo dichiara Gianni Melilla, deputato di Articolo 1 – Movimento Democratico e Progressista e capogruppo in commissione bilancio a Montecitorio.
Aumenta invece l’occupazione a tempo indeterminato per cinquantenni e sessantenni, prosegue Melilla, a causa degli effetti nefasti della riforma pensionistica votata quasi all’unanimità dal Parlamento ai tempi del governo Monti.
Nella proposta di legge di bilancio 2018 purtroppo manca un serio piano di investimenti pubblici per il lavoro, a partire dal Mezzogiorno e per questo Mdp proporrà di inserire risorse per maggiori investimenti per il lavoro e la stabilizzazione del precariato pubblico nelle scuole, tra i vigili del fuoco, nella sanità, negli uffici giudiziari e negli enti locali.
La propaganda, conclude Gianni Melilla, non può incantare il dramma di milioni di persone con lavori precari o senza lavoro.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi