Le madri e i padri della nostra Costituzione

Il presidente del Consiglio regionale Mauro Laus ha aperto oggi a Palazzo Lascaris il convegno dal titolo “Le Costituenti al lavoro. Donne nella Costituzione”, organizzato in collaborazione con la Fondazione Nilde Iotti.

“Oggi parliamo del contributo che le 21 donne costituenti hanno dato nella stesura della Costituzione – ha detto il presidente Laus – è a loro che dobbiamo gratitudine e riconoscenza. Senza il loro impegno politico, sindacale e sociale non avremmo avuto le leggi sul diritto di voto, di istruzione, sul divorzio, sui diritti delle lavoratrici e sulla maternità. Abbiamo il dovere di corrispondere alle nobili intenzioni delle madri e dei padri costituenti difendendo la Costituzione dai rigurgiti di un vergognoso passato che ancora oggi prova a insinuarsi nella nostra comunità”.

Nino Boeti, vicepresidente del Consiglio regionale, delegato al Comitato Resistenza e Costituzione, ha ricordato che: “le donne furono protagoniste nella storia del nostro Paese ancora prima della stesura della Costituzione, dalle guerre risorgimentali alla Grande Guerra, quando sostituirono gli uomini partiti per il fronte nelle fabbriche e nei campi, e poi lo straordinario ruolo svolto durante la Resistenza”.

Livia Turco, già parlamentare, ministro e consigliera regionale in Piemonte, è intervenuta nella sua veste di presidente della Fondazione Nilde Iotti che ha organizzato il convegno: “la nostra Costituzione, che è la più bella del mondo, ha dei padri e delle madri costituenti. Dobbiamo dire Grazie! a queste giovani 21 donne che hanno fatto parte dell’Assemblea Costituente – ha detto – perché hanno saputo rappresentare e tutelare gli interessi di tutte le donne del Paese, collaborando fra loro anche se appartenevano a partiti diversi. Hanno lavorato su articoli molto importanti ancora oggi della nostra Costituzione, quelli sulla famiglia, sui diritti delle donne”.

Sono intervenuti: Graziella Falconi scrittrice e pubblicista, che ha tracciato un excursus storico sul periodo della Costituente, Elena Ruzza che ha recitato una parte dello spettacolo “Figlia di Tre Madri” di Gabriella Bordin.

Erano presenti le consigliere regionali: Silvana Accossato, Nadia Conticelli, Stefania Batzella.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi