Lea, le novità per l’assistenza specialistica ambulatoriale Il decreto ha aggiornato l’elenco delle prestazioni erogabili in ambulatorio. L’intervista a Silvia Rinaldi

Una delle modifiche introdotte dai nuovi Lea che maggiormente interessano chi ha bisogno di cure è l’aggiornamento nomenclatore dell’assistenza specialistica ambulatoriale. Il decreto che ha rivisto i livelli essenziali di assistenza, infatti, ha aggiunto numerose procedure diagnostiche e terapeutiche che nel 1996 (quando fu redatta la versione precedente del nomenclatore) avevano carattere quasi “sperimentale”, ma che oggi sono entrate nella pratica clinica corrente e possono essere erogate in ambito ambulatoriale. Di questa e delle altre novità sul nomenclatore della specialistica ambulatoriale abbiamo parlato con la dottoressa Silvia Rinaldi, della Direzione sanitaria del Bambino Gesù. Dottoressa Rinaldi, quali sono le principali novità per i pazienti contenute nell’aggiornamento del nomenclatore della specialistica ambulatoriale? La revisione del nomenclatore ha previsto l’inserimento di nuove prestazioni, alcune di queste erogabili in passato esclusivamente in regime di ricovero come, ad esempio, piccole procedure chirurgiche; in ambito pediatrico è necessario, comunque, individuare con cautela il setting assistenziale più idoneo all’erogazione delle prestazioni. Sono state, inoltre, modificate alcune prestazioni attualmente incluse nel nomenclatore ed altre eliminate perché ormai obsolete. L’ambito della genetica è stato particolarmente sviluppato, sia aumentando il numero di prestazioni (con specifiche anche sulle singole patologie) richiedibili nell’ambito del SSN sia individuando la consulenza genetica come momento fondamentale nella gestione del paziente che effettua un test. Sono stati, inoltre, introdotti nuovi esami di laboratorio tra cui indagini per la diagnosi di malattie metaboliche rare. Anche le prestazioni ambulatoriali sono state ampliate con l’aggiunta di procedure di elevato contenuto innovativo come l’enteroscopia con microcamera ingeribile o la tomografia retinica (OTC); A suo parere, sempre per quel che riguarda il nomenclatore della specialistica ambulatoriale, c’è qualche prestazione ambulatoriale importante che non è stata inserita nel nuovo elenco? Sarebbe riduttivo individuare singole prestazioni da inserire nel nomenclatore. Il nomenclatore della specialistica ambulatoriale è uno strumento dinamico che deve periodicamente essere aggiornato alla luce delle politiche di indirizzo sanitario individuate dal Ministero della Salute e delle continue innovazioni della medicina sia nel campo della diagnosi che della cura. Per quanto riguarda l’ospedale, l’aggiornamento del nomenclatore della specialistica ambulatoriale, richiederà un periodo di adeguamento per rendere effettive le novità introdotte? Quanto tempo sarà necessario e di che cosa ci sarà bisogno? L’Ospedale è già pronto a rendere effettive le novità introdotte con l’aggiornamento del nomenclatore tariffario. Come è previsto dalla normativa, tuttavia, le Regioni e le Provincie autonome devono disciplinare le modalità di erogazione delle nuove prestazioni. Sicuramente sarà necessario favorire ulteriormente la diffusione fra il personale sanitario delle novità contenute nel Decreto con particolare enfasi per due aspetti di nuova introduzione: le condizioni di erogabilità e le indicazioni di appropriatezza prescrittiva delle prestazioni di specialistica ambulatoriale.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi