Lotta al bullismo su internet, incontri al Lem

Livorno – Sono sempre più diffusi, purtroppo, gli episodi di bullismo informatico o cyberbullismo, e cioè quegli atti di bullismo che vengono portati avanti all’interno degli “spazi” di comunicazione e interazione su internet (in particolare sui social media).
Il bullismo è una forma di pressione fisica e psicologica, messa in atto da una o più persone (bulli) nei confronti di un altro individuo percepito come più debole.
Spesso è il contesto scolastico il luogo privilegiato per il manifestarsi di bullismo e cyberbullismo. Pertanto, la scuola gioca un ruolo fondamentale nella prevenzione e nel contrasto di questi fenomeni violenti, e nel recupero dei ragazzi che si rendono attori o vittime del bullismo: il tempestivo intervento dei dirigenti scolastici, degli insegnanti e dei genitori è decisivo.
Sia il recente quadro legislativo sia le linee guida del Ministero dell’Istruzione definiscono un “Piano nazionale di educazione al rispetto reciproco, alla lotta al bullismo e al cyberbullismo”, incoraggiando la formazione di un Organico di Rete Territoriale per il contrasto del fenomeno.
In tale ottica, “CyberLivorno2017/18 – Per crescere e proteggere” è un progetto di ricerca, che va avanti già da alcuni anni, per la formazione sulla consapevolezza informatica e l’uso corretto della rete e dei dispositivi di comunicazione digitali.
L’attività formativa è rivolta direttamente ai docenti delle scuole primarie e secondarie di I e II grado, e vede il coinvolgimento attivo degli studenti e delle loro famiglie. Ciascuna scuola ha individuato due referenti, opportunamente formati a riconoscere i segnali di disagio dei ragazzi e, quindi, intervenire.
“CyberLivorno” è coordinato dall’Ufficio Scolastico Regionale ambito provinciale di Livorno. Il programma delle iniziative per alunni e genitori è molto ricco e vede la collaborazione tra CTS(Centro Territoriale di Supporto) e CTI (Centro Territoriale per l’Inclusione) di Livorno, CIAF (Centro Infanzia Adolescenza e Famiglie) del Comune di Livorno, la sezione di Livorno del compartimento di Polizia Postale e delle Comunicazioni della Toscana, le università di Pisa e Firenze, l’Ordine degli Psicologi, la Fondazione L.E.M. Livorno Euro Mediterranea, il Comitato provinciale per l’UNICEF e il CORECOM.
In questo ambito, al L.E.M. (Fondazione Livorno Euro Mediterranea, in piazza del Pamiglione) si terranno alcune giornate di formazione per gli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado.
È previsto l’intervento di esperti del dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Pisa, del CORECOM (Comitato Regionale per le Comunicazioni) e della sezione di Livorno della Polizia Postale e delle Comunicazioni Toscana.
Si inizierà domani, giovedì 15 febbraio, alle ore 10, con l’Istituto Buontalenti. Seguiranno, giovedì 22 febbraio, le scuole medie Micali e Mazzini; martedì 27 febbraio sarà la volta dell’Istituto Enriques; martedì 27 marzo le scuole medie Bartolena.
Oltre ai corsi programmati al L.E.M. il progetto prevede numerosi appuntamenti che si svolgeranno in altre sedi.
Il programma delle iniziative per alunni e genitori è molto ricco.
In questo ambito, alla Fondazione L.E.M. Livorno Euro Mediterranea (in piazza del Pamiglione) si terranno delle giornate di formazione per gli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado.
È previsto l’intervento di esperti del dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Pisa, del CORECOM (Comitato Regionale per le Comunicazioni) e della sezione di Livorno della Polizia Postale e delle Comunicazioni Toscana.
Si proseguirà martedì 21 febbraio, alle ore 10, con le scuole medie Bartolena. Le altre giornate di formazione si svolgeranno venerdì 24 febbraio con l’Istituto Niccolini-Palli, le scuole Pazzini, l’Istituto Nautico, il Liceo Cecioni; martedì 28 febbraio sarà la volta delle scuole medie Mazzini e delle scuole medie Borsi; martedì 14 marzo le scuole medie Micali.
Le iniziative per la scuola primaria, nell’ambito del programma “Scuola e Città”, sono invece curate dal CIAF (Centro Infanzia adolescenza e Famiglie) del Comune di Livorno. Sono previsti: laboratori genitori/figli per l’uso creativo e condiviso del web (per alunni delle classi quarte e quinte della scuola primaria) in collaborazione con l’Istituto degli Innocenti di Firenze – Progetto TROOL (Tutti i Ragazzi Ora On Line); sempre per il progetto TROOL con l’Istituto degli Innocenti, percorsi laboratoriali in orario curriculare per le classi quarte della scuola primaria; incontri di formazione/informazione per genitori con la psicopedagogista del Comune di Livorno e con gli operatori della sezione di Livorno della Polizia Postale e delle Comunicazioni Toscana.
Le scuole primarie che hanno aderito sono numerose. Martedì 21 marzo, alle ore 16.45, alla scuola Carducci inizierà il ciclo d’incontri dedicato ai genitori, per offrire spunti di riflessione e strumenti utili per un utilizzo sicuro e corretto del web.
Il CIAF del Comune di Livorno ha inoltre contribuito alla formazione degli studenti all’interno del progetto “Peer education for UNICEF”, progetto che il comitato provinciale per l’UNICEF, nell’ambito del progetto nazionale MIUR/UNICEF “Verso una scuola amica” 2016/17, sta portando avanti (anche con il Comune di Rosignano Marittimo).



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi