LUCA PASTORINO (POSSIBILE), RINASCENTE: “INIZIO DI CRISI CON IL RIFIUTO DI BIASOTTI AL TRASFERIMENTO DELLA SEDE A DE FERRARI”

“La conferma della chiusura della Rinascente a Genova ci rammarica, ma non stupisce. In Italia ormai si permette a tutte le aziende di attuare le proprie strategie di mercato sempre contro l’interesse dei lavoratori”.

“Mentre Rinascente dichiara di essere in perdita da anni su Genova, a Roma apre una sede gigantesca. Di fatto, si fa passare sulla testa dei lavoratori una serie di scelte sbagliate dal punto di vista della strategia commerciale. Non è ammissibile che si dica a una persona di andare a lavorare in un’altra città con tutto quello che ne consegue. Questi sono licenziamenti mascherati”.

“Ricordo che l’inizio della crisi della Rinascente l’ha aperta l’allora Presidente della Regione Sandro Biasotti che negò all’azienda la possibilità di insediarsi nell’odierno Palazzo della Regione”.

“In italia serve una normativa che tuteli i lavoratori anche dal punto di vista delle vertenze sul lavoro. E’ evidente che una grossa responsabilità vada ricercata nell’incapacità degli ultimi Governi Renzi e Gentiloni, in particolare sul tema della tutela del lavoro”



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi